Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Le scadenze di Cassa Forense e i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi

12 luglio 2016 -

Le scadenze di Cassa Forense e i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi

Di Valeria Nicoletti e Luca Bianchi

 

Articolo

Con il comunicato stampa n. 107 del 14 giugno 2016, a meno di 48 ore dalla fatidica scadenza del 16 giugno, il MEF comunicava lo slittamento dal 16 giugno al 6 luglio 2016 del termine per effettuare i versamenti derivanti dalla dichiarazione dei redditi, dalla dichiarazione Irap e dalla dichiarazione unificata annuale da parte dei contribuenti che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore.

Dal 7 luglio e fino al 22 agosto 2016 i versamenti possono essere eseguiti con una lieve maggiorazione, a titolo di interesse, pari allo 0,40%. Tra le categorie interessate dalla proroga, poiché soggetti a studi di settore (modello YK04U), vi è anche quella degli avvocati.

Per questa categoria di contribuenti il rinvio delle scadenze fiscali va in corto circuito con le scadenze contributive.

Va ricordato che in base al Regolamento di Attuazione dell’art. 21, cc. 8 e 9, Legge n. 247/2012 (Delibera del Comitato dei Delegati del 31 gennaio 2014 e successive modificazioni - Approvato con nota ministeriale del 7 agosto 2014 - G.U. Serie n. 192 del 20/08/2014) a decorrere dall’entrata in vigore di detto Regolamento, o dalla data di iscrizione all’Albo, se successiva, l’iscrizione alla Cassa è obbligatoria per tutti gli avvocati iscritti agli Albi professionali forensi, mentre è facoltativa per i praticanti abilitati al patrocinio. Pertanto tutti i soggetti che esercitano l'attività di avvocato devono essere iscritti alla Cassa Forense.

La normativa previdenziale forense prevede la comunicazione obbligatoria dei dati reddituali IRPEF e IVA relativi all'anno 2015, c.d. Modello 5/2016, che deve essere effettuata entro il 30 settembre 2016 da tutti gli iscritti agli Albi Professionali Forensi, anche per frazione di anno, e dai Praticanti iscritti alla Cassa.

I termini da rispettare per i versamenti dei contributi in autoliquidazione relativi all'anno 2015 (che vanno attestati col cosiddetto Modello 5), sono i seguenti:

  • 31 luglio 2016: (domenica) scadenza 1ª rata (50%) contributo soggettivo e contributo integrativo, saranno ritenuti nei termini i versamenti effettuati entro il 1° agosto 2016;
  • 31 dicembre 2016: (sabato) scadenza 2ª rata (saldo) contributo soggettivo e contributo integrativo, saranno ritenuti nei termini i versamenti effettuati entro il 2 gennaio 2017.

Dato che non si tiene conto della proroga dei termini di versamento da Unico, gli iscritti alla Cassa Forense devono calcolare e pagare l'acconto su dati fiscali che possono non essere definitivi.

Ricordiamo che attraverso la compilazione del Modello 5 l'avvocato calcola se deve contribuzione eccedente il minimale in base alla dichiarazione dei redditi relativa al 2015 (Unico 2016). Nel quadro B del Modello, calcolo dei contributi, per l’attività svolta in forma individuale occorre riportare l’importo indicato al rigo RE21 – colonna 2 del modello Unico 2016, mentre per coloro che, per l’anno 2015, hanno aderito al Regime di determinazione forfetaria il calcolo dei contributi dovuti deve essere determinato sulla differenza fra il reddito lordo indicato al rigo LM34, relativo al solo reddito lordo professionale di cui al codice di attività 69.10.10. e le perdite pregresse di cui al rigo LM 37 del modello Unico 2016.

Articolo pubblicato in: Diritto tributario


About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2019

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it