Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Introduzione al risarcimento del danno da svalutazione nei rimborsi tributari tardivi

20 settembre 2016 -
Introduzione al risarcimento del  danno  da  svalutazione nei rimborsi tributari tardivi

Quando il fisco tarda nei rimborsi in alcuni casi è possibile richiedere la liquidazione del danno da svalutazione monetaria: soggetti legittimati e quadro probatorio.

Con la fondamentale pronuncia a Sezioni Unite del 2007 (n. 16871) la Suprema Corte di Cassazione ha incluso le pretese restitutorie, avanzate dal contribuente nei confronti del fisco, nell’ambito delle

fattispecie di ritardato adempimento di una obbligazione pecuniaria, precisando che per il predetto

ritardo possa essere liquidato il danno da svalutazione monetaria, a patto che il creditore - contribuente dimostri che il tempestivo adempimento gli avrebbe consentito di impiegare il suo danaro in modo tale da evitare gli effetti negativi causati dall’inflazione.

Nella medesima rilevante pronuncia, preceduta nello stesso senso da Cassazione 255/06 e ripresa sostanzialmente in Cassazione ordinanza 28332/13, la Suprema Corte si è poi soffermata sulla legittimazione del richiedente il risarcimento del danno, precisando che lo stesso debba comunque  dichiarare di appartenere ad una di quelle categorie di elaborazione giurisprudenziale (imprenditore,  risparmiatore abituale, creditore occasionale o modesto consumatore) aventi propensioni economiche tali  da giustificare l’utilizzo di presunzioni sull’impiego del danaro se tempestivamente riscosso.

Circa la prova del danno in questione, la specificità che è propria dell’obbligazione tributaria esige oggi un maggior giustificato rigore nella valutazione degli elementi probatori prodotti dall’asserito

danneggiato (Sezioni Unite 16871/07, ma così anche Cassazione 26403/13, e più recentemente  Cassazione ordinanza 28332/13), a fronte dei pregressi e superati orientamenti giurisprudenziali che  ammettevano, al contrario, il ricorso al “criterio degli indici inflattivi” (Cassazione 2368/86, 5681/88,  5138/89) e finanche a “condizioni personali o circostanze di fatto” (Cassazione 2866/07).

Riconosciuta la competenza giurisdizionale in favore del  giudice tributario per l’accertamento e la liquidazione del danno di cui trattasi (Sezioni Unite 16871/07, Cassazione 26403/10, Cassazione ordinanza 28332/13), la pacifica autonomia della relativa istanza consente che la medesima si copra dell’autorità del giudicato con il decorso dei termini di legge (Cassazione 10783/07).

Articolo pubblicato in: Diritto tributario


About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2019

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it