Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

Il mobbing a danno del conducente di autoambulanza e soccorritore

06 giugno 2017 -
Il mobbing a danno del conducente di autoambulanza e soccorritore

Oggetto di questa nuova riflessione giuridica è la figura professionale di chi presta la propria attività quale conducente di autoambulanza e soccorritore presso enti socio-sanitari, con particolare riguardo alle modalità di svolgimento del rapporto di lavoro, nonché alle mansioni di volta in volta affidate, alle modalità di determinazione dei turni lavorativi diurni e notturni e, infine, alla gestione delle ore ordinarie e straordinarie, in caso di stravolgimento delle stesse da parte di un proprio responsabile.

 

1. Quadro fattuale

Ipotizziamo, quindi, che abbiate sottoscritto un contratto di lavoro a tempo indeterminato, mediante il quale siete stati inquadrati al livello C1 del CCNL ANPAS-accordo sindacale del 23.09.2014, con qualifica di autista soccorritore e mansioni di conducente di autoambulanza.

Ipotizziamo anche che il vostro contratto di lavoro preveda un orario settimanale di 38 ore medie, in base alle turnazioni stabilite dal datore di lavoro, distribuito dal lunedì alla domenica, con risposo settimanale, come previsto dal CCNL di categoria.

Di volta in volta, su indicazione del vostro responsabile, lavorate solo come autista, ovvero anche come soccorritore o addetto ai servizi secondari.

Poi, tutto a un tratto, interviene un cambio nell’attività lavorativa concretamente svolta, a fronte di nuove decisioni in tal senso assunte da vostro responsabile.

I turni giornalieri diventano di circa 13 ore ordinarie, con cambi repentini degli stessi e tardivamente comunicati, tra l’altro con compiti di solo soccorritore e addetto ai servizi secondari e, inoltre, vanno a scomparire del tutto i turni notturni e la possibilità di svolgere ore straordinarie, nonostante un accordo in tal senso raggiunto.

Ebbene, il dubbio che vi potrebbe insorgere è se siate divenuti destinatari di una condotta di mobbing da parte dei vostri diretti superiori, se la turnazione affidata sia equa e se i repentini cambi della stessa siano tempestivamente comunicati, infine se sia corretta la gestione delle ore di straordinario e del lavoro notturno eliminate di fatto.  

 

2. Quadro giuridico

Da un punto di vista normativo, la fattispecie giuridica in esame è particolarmente variegata e, soprattutto, disciplinata da una pluralità di norme che ci si accinge a esaminare, anche alla luce di quanto rinvenuto in giurisprudenza.

Articolo pubblicato in: Diritto del lavoro e della sicurezza


About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2019

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it