Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Il Documento di Economia e Finanza: contenuto e iter di approvazione

11 maggio 2018 -
Il Documento di Economia e Finanza: contenuto e iter di approvazione

Sommario

1. Origine e funzione del Documento di Economia e Finanza (DEF)

2. Il contenuto del DEF: le tre aree di riferimento

3. Iter di approvazione del Parlamento nazionale e slittamento del termine di approvazione in attesa del nuovo Esecutivo

 

1. Origine e funzione del Documento di Economia e Finanza (DEF)

Il Def (Documento di Economia e Finanza) è stato istituto con la Legge n. 39/2011 (Governo Berlusconi) con la finalità di garantire la migliore integrazione economica a livello europeo, poiché tale strumento contribuisce ad aumentare il grado di coordinamento delle misure intraprese e pone un orizzonte che non si ferma all’anno corrente, ma allarga il fronte al triennio successivo, con l’indicazione delle riforme che si vogliono realizzare e delle stime dei principali valori macroeconomici previsti secondo le tabelle e gli studi effettuati dai tecnici del Ministero dell’Economia e della Finanza e della Ragioneria Generale dello Stato.

In realtà, lo strumento di programmazione era già esistente dal 1988, poiché era stato introdotto dalla legge di contabilità n. 362/1988, con il nome di Documento di Programmazione Economico-Finanziaria (DPEF), poi successivamente sostituito dalla legge di bilancio n. 196/2009 in Decisione di Finanza Pubblica (DEP), e solo in seguito divenuto Documento di Economia e Finanza con la  sopra richiamata legge che ha raccolto le indicazioni giunte a livello comunitario, divenute improrogabili a fronte di una gravissima crisi che in quegli anni si era affacciata con la sua massima espansione sulle economie europee e, in particolare, sulle economie più fragili come quella italiana.

In questo senso, i documenti di programmazione sono diventati, a seguito della crisi, veri e propri protagonisti della politica economica dell’intera Unione europea, ricoprendo un ruolo centrale per il perseguimento degli obiettivi di crescita sostenibile, stabilità finanziaria e promozione della competitività sia sul piano interno, che su quello internazionale.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2018

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it