Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Quale sarà il ruolo dell’avvocato nel mondo delle intelligenze artificiali?

11 luglio 2018 -
Quale sarà il ruolo dell’avvocato nel mondo delle intelligenze artificiali?

Infine, un ulteriore esempio di questa rivoluzione del diritto è il COIN: non si sta parlando della catena italiana di department stores, bensì di un software appositamente sviluppato da JP Morgan per la revisione dei contratti finanziari, il quale svolge in pochi secondi un’attività che, secondo le stime pubblicate, richiederebbe 360.000 ore di lavoro di avvocati specializzati.

Quali sono quindi le implicazioni delle moderne innovazioni tecnologiche in materia di AI rispetto al ruolo dell’avvocato del futuro? Sono due le aree principali che vengono toccate: da un lato tutta la parte relativa alle ricerche giurisprudenziali e legislative, oltre alla compilazione e produzione di contratti o atti processuali standardizzati, dall’altro l’area di regulatory & compliance. La prima, che è senza dubbio quella svolta in larga parte dai praticanti (in Italia) o dai first-year associates (nel sistema americano), possiede risvolti particolarmente rilevanti per gli studenti di legge. Come ha affermato il Professor David L. Faigman, Dean dell’Hastings College of the Law alla University of California, durante una recente conferenza tenutasi all’Università Bocconi, attualmente l’assunzione di associates da parte delle grandi law firms americane è diminuita proprio a causa dell’utilizzo di processori di ricerca giurisprudenziale, che hanno reso di fatto superflue le capacità dei neolaureati. D’altro canto, come ha invece sottolineato Claudio Rorato, direttore dell’Osservatorio professionisti e innovazione digitale del Politecnico di Milano, in questo ambito tale sistema aiuta l’avvocato che ormai pratica da diverso tempo, in quanto “un software di intelligenza artificiale può comprimere l’attività di istruttoria e consentire all’avvocato di poter impegnare più tempo nelle attività intellettuali importanti”.

L’innovazione tecnologica in materia regolatoria, la cosiddetta regtech, investe invece il profilo dell’avvocato a ogni livello di esperienza, mettendo a rischio il suo ruolo in un settore, come quello della consulenza in tema di compliance, che “tira” molti studi legali d’impresa. Deloitte, in uno dei primi report sulla regtech (2015), cita una frase del biologo Edward Wilson: “We are drowning in information, while starving for wisdom”.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2019

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it