Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Ultime novità sulla rottamazione ter

Disposizioni normative: articolo 3 Decreto legge 119/2018 (Decreto Fiscale), legge n. 145/2018 (Legge di Stabilità 2019) e Decreto legge 135/2018 (Decreto Semplificazioni) convertito in legge n. 12/2019 04 marzo 2019 -
Ultime novità sulla rottamazione ter

Sommario: 1. Premessa 2. Carichi oggetto di definizione agevolata. 3. Agevolazioni. 4. Modalità di versamento. 5. Termini e perfezionamento della definizione. 6. Conseguenze della presentazione della dichiarazione di adesione alla definizione agevolata. 7. Comunicazione delle somme dovute. 8. Carichi non definibili. 9. Rapporti con la prima rottamazione. 10. Rapporti con la rottamazione bis: dal Decreto legge n. 119/2018 al Decreto Semplificazioni.

 

1. Premessa

Con l’articolo 3 del Decreto legge n. 119/2018, convertito in legge n. 136/2018, è stata riproposta, per il terzo anno consecutivo, la definizione agevolata dei carichi affidati all’agente della riscossione (c.d. rottamazione ter).

Rispetto alle precedenti “Definizioni” introdotte dal Decreto legge n. 193/2016 (“prima rottamazione”) e successivamente dal D.l. n. 148/2017 (“rottamazione bis”), la legge in commento ha previsto importanti novità a favore del contribuente.

Ma vediamo ora più nel dettaglio il funzionamento della nuova rottamazione.

 

2. Carichi oggetto di definizione agevolata

Possono essere oggetto di definizione agevolata, secondo quanto stabilito dall’articolo 3, comma 1, del Decreto legge n. 119/2018, i debiti risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2017.

Come si può, dunque, da subito notare, la nuova norma ha esteso i benefici della definizione agevolata anche ai debiti esclusi dalla precedente rottamazione (c.d. rottamazione bis), in quanto risultanti da carichi affidati agli agenti della riscossione successivamente alla data del 30 settembre 2017.

Sono definibili, altresì:

  • i debiti risultanti dai carichi affidati agli agenti della riscossione che rientrano nei procedimenti instaurati a seguito di istanza di composizione della crisi da sovra-indebitamento presentata dai debitori (in tal caso, il pagamento del debito definito potrà avvenire con le modalità e nei tempi eventualmente previsti nel decreto di omologazione dell'accordo o del piano del consumatore);
  • i debiti relativi a carichi già oggetto di prima rottamazione o di rottamazione bis (con le modalità che si spiegheranno meglio infra).

Per quanto concerne, invece, la possibile definizione agevolata dei carichi riguardanti i tributi locali (che nelle precedenti rottamazioni era prevista), l’articolo 3 del Decreto legge n. 119/2018, così come risultante anche a seguito delle varie modifiche/integrazioni, nulla dice.

 

3. Agevolazioni

Il debitore che presenterà all'agente della riscossione apposita dichiarazione potrà estinguere i debiti definibili senza corrispondere:

  • sanzioni;
  • interessi di mora;
  • sanzioni e somme aggiuntive sui contributi o premi dovuti agli enti pubblici previdenziali.

Restano, pertanto, dovute le somme:

  • affidate all'agente della riscossione a titolo di capitale ed interessi;
  • maturate a favore dell'agente della riscossione a titolo di aggio e di rimborso delle spese per le procedure esecutive e di notifica delle cartelle di pagamento.

 

4. Modalità di versamento

Ai fini del perfezionamento della definizione, il debitore è tenuto a versare (mediante domiciliazione sul conto corrente o bollettini precompilati o presso gli sportelli dell'agente della riscossione) quanto previsto:

  • integralmente, in un'unica soluzione entro il 31 luglio 2019;
  • nel numero massimo di 18 rate consecutive di cui:

- la prima e la seconda rata (ciascuna di importo pari al 10% delle somme complessivamente dovute, con scadenza 31 luglio e 30 novembre 2019);

- le restanti somme, tutte di pari importo, con scadenza il 28 febbraio, 31 maggio, 31 luglio e 30 novembre di ciascun anno, a decorrere dal 2020.

In caso di pagamento rateale, a decorrere dal 1° agosto 2019, sono dovuti gli interessi al tasso del 2% annuo.

Articolo pubblicato in: Diritto tributario


About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2019

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it