Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

Cassazione Civile: la consapevolezza della vittima di dover morire a seguito di incidente stradale integra il risarcimento del c.d. “danno catastrofale” agli eredi

20 luglio 2015 -

La Cassazione è ritornata sul tema del c.d. danno catastrofale ossia quel danno “morale” patito dalla vittima nel lasso di tempo intercorrente tra l’evento e la morte in cui la stessa assiste coscientemente allo spegnersi della propria vita.

Tale danno sofferto, come ritenuto da consolidato orientamento giurisprudenziale, entra nel patrimonio della vittima seppur per quel breve lasso di tempo e pertanto esso è ereditabile.

Con la sentenza in commento, la Suprema Corte ha dato rilevanza fondamentale, ai fini del risarcimento del danno catastrofale in favore degli eredi, alla coscienza della vittima ed alla sua lucidità mentale, tale da consentirgli di comprendere la gravità della situazione e l’evento morte imminente.

Ha così argomentato la Corte: “la paura di dover morire provata da chi abbia patito lesioni personali e si rende conto che esse saranno letali, è un danno non patrimoniale risarcibile soltanto se la vittima sia stata in grado di comprendere che la propria fine era imminente, sicché, in difetto di tale consapevolezza non è nemmeno concepibile l’esistenza del danno in questione a nulla rilevando che la morte sopraggiunga in concreto per le lesioni”.

Inoltre, secondo la Corte: “in caso di morte della vittima a poche ore dal verificarsi del sinistro stradale, il risarcimento agli eredi del danno catastrofale può essere riconosciuto agli eredi, a titolo di danno morale, solo a condizione che sia entrato a far parte del patrimonio della vittima al momento della morte, con la conseguenza che, in assenza di prova della sussistenza di uno stato di coscienza della persona nel breve intervallo tra il sinistro e la morte, la lesione del diritto alla vita non è suscettibile di risarcimento, neppure sotto il profilo del danno biologico, a favore del soggetto che è morto, essendo inconcepibile l’acquisizione in capo a lui di un diritto che deriva dal fatto stesso della morte”.

News pubblicata in: Diritto civile


About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2017

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it