Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

Banca - Tribunale di Paola: modifica unilaterale del contratto bancario, ragioni di validità

20 ottobre 2016 -
Banca - Tribunale di Paola: modifica unilaterale del contratto bancario, ragioni di validità

Il Tribunale di Paola ha affrontato due rilevanti questioni in materia di diritto bancario: la commissione di massimo scoperto e le proposte di modifica unilaterale del contratto.

Quanto al primo tema, il Tribunale di Paola ha affermato che: “ai fini della valutazione attinente al superamento del tasso soglia, non deve tenersi conto della commissione di massimo scoperto per i contratti esauritisi antecedentemente al 1 gennaio 2010. In particolare, il giudice osserva come l’inclusione della commissione di massimo scoperto nel calcolo del superamento del tasso soglia non possa essere seguita, perché secondo le Istruzioni della Banca d'Italia del 2006: 1) la CMS non doveva essere rilevata per determinare il TEG e, quindi,  il  tasso  soglia  (per  cui  si  comparerebbero  entità  disomogenee);  2)  essa  va computata separatamente dal TEG; 3) le istruzioni prevedevano espressamente che la commissione di massimo scoperto non entra nel calcolo del TEG”.

Ma il principio fortemente innovativo della sentenza risiede nella dichiarata validità della modifica unilaterale del contratto ex art. 118 TUB, se il correntista non ha per tempo esercitato il prescritto recesso.

Chiarissimo   il   Tribunale:   “infondata   l’eccepita   modifica   unilaterale   del contratto perpetrata dalla Banca. A tal proposito l’art. 118 TUB, secondo comma, statuisce che  la modifica si intende approvata ove il cliente non receda, senza spese, dal contratto entro la data prevista per la sua applicazione. In tale caso, in sede di liquidazione del rapporto, il cliente ha diritto all’applicazione delle condizioni precedentemente applicate”.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2017

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it