Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Tribunale delle imprese: packaging, contraffazione e concorrenza sleale

05 febbraio 2016 -

La Sezione specializzata in materia di impresa del Tribunale di Milano si è recentemente espressa in tema di contraffazione di marchio e concorrenza sleale, relativamente al packaging di un bene di consumo comune: un tubetto di colla.

La vicenda vede protagonista (e parte attrice del giudizio) un’azienda produttrice di materiali per la finitura, la riparazione e la realizzazione di oggetti, tra cui la citata colla, distinta e protetta con marchio regolarmente registrato.

L’attrice conveniva in giudizio una società, propria cliente e distributrice della colla in oggetto, accusandola di aver copiato pedissequamente il prodotto commercializzato dalla prima e di averlo messo in vendita nei propri locali commerciali. Le condotte illecite lamentate dalla società attrice erano quelle di concorrenza sleale per imitazione servile, appropriazione di pregi e concorrenza parassitaria e contraffazione del marchio di forma del prodotto, costituito dal packaging della colla.

Nelle more del giudizio, il Tribunale di Milano ha escluso la sussistenza della contraffazione di marchio di forma, non essendo stata fornita la prova della registrazione del packaging della colla come marchio di forma, né essendo ravvisabile un marchio di fatto. Mancano, infatti, i requisiti richiesti per considerare tale il packaging del prodotto: la (i) diffusione sul mercato e la (ii) convinzione radicatasi presso il pubblico dell’immediata riconducibilità di un simile marchio di forma alla società attrice

D’altro canto, la pedissequa imitazione del packaging della colla originale, ha integrato, secondo il Tribunale, una condotta lesiva sul piano della concorrenza. Nonostante la presenza di differenze tra i due prodotti (marchio e denominazione, dimensione della confezione, composizione chimica e prezzo ridotto), (i) l’identità del packaging, (ii) l’offerta contestuale con il prodotto originale, (iii) il medesimo colore e carattere della scritta e, soprattutto, (iv) la presenza, nel prodotto illecito, di un errore che caratterizzava la confezione della colla originale (un riferimento normativo errato), risultano tutti elementi atti a confondere o quantomeno a collegare i due prodotti, ingenerando nel consumatore la convinzione che provengano dallo stesso produttore.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2018

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it