Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

Violenza - Cassazione Penale: non integra il reato di violenza sessuale, neppure nella forma tentata, il massaggio di sole zone non erogene per tempestiva sottrazione della persona offesa

05 gennaio 2017 -
Violenza - Cassazione Penale: non integra il reato di violenza sessuale, neppure nella forma tentata, il massaggio di sole zone non erogene per tempestiva sottrazione della persona offesa

La Corte di Cassazione ha stabilito che l’idoneità e non equivocità, requisiti necessari del reato tentato, devono essere tratti da una valutazione complessiva della condotta tenuta dall’agente, non potendosi ritenere integrati da elementi alla stessa estranei.

Il caso in esame

La pronuncia della Suprema Corte trae origine dal ricorso di un medico, condannato in primo e secondo grado per plurimi reati, tentati e consumati, di cui agli articoli 609-bis del Codice Penale, per aver, nell’esercizio delle sue funzioni, costretto più donne a subire atti sessuali consistiti, tra l’altro, nel palpeggiamento e nello strusciamento del proprio organo sessuale sul fondoschiena delle stesse.

Nel ricorso, la difesa dell’imputato lamentava, tra i vari motivi, l’errata configurabilità dei reati tentati per due condotte per le quali vi era stata condanna, essendo mancati in essi il requisito della direzione non equivoca degli atti. Nel caso di specie, il sanitario era stato accusato, in due specifiche occasioni, di violenza sessuale, seppur nella forma tentata, per aver posto in essere un massaggio in zone non erogene (collo, braccia, tempie), conclusosi per azione delle persone offese, sottrattesi al massaggio.

La decisione della Suprema Corte

La Cassazione ha ritenuto il motivo di doglianza fondato, non condividendo il ragionamento dei giudici di merito nella decisione impugnata dal ricorrente.

In particolare, la Corte territoriale aveva ritenuto integrata la fattispecie di reato, già degradata alla forma tentata dal giudice di prime cure, “dal fatto che la sottrazione delle due donne al massaggio avrebbe impedito all’imputato di proseguire nella abituale condotta tenuta, invece, in molteplici altre occasioni. In altri termini, quindi, pare di comprendere che la idoneità ed univocità degli atti sia stata desunta dai giudici non dalla natura o dalla direzione degli stessi, ma dal fatto che, ove il massaggio non si fosse interrotto, certamente lo stesso sarebbe proseguito con le modalità più volte poste in essere in altre analoghe occasioni dall’imputato”.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2017

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it