Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

La proposta di regolamento della Commissione sugli European crowdfunding service providers

20 novembre 2018 -
La proposta di regolamento della Commissione sugli European crowdfunding service providers

Lo scorso 29 agosto la Commissione per i problemi economici e monetari del parlamento Ue ha discusso la proposta di regolamento “per facilitare la distribuzione transfrontaliera dei fondi di investimento collettivo e che modifica i regolamenti (UE) n. 345/2013 e (UE) n. 346/2013” avanzata a marzo 2018 dalla Commissione europea, che prevede un quadro unico europeo per disciplinare le piattaforme di crowdfunding, potenziando le “forme di finanziamento alternativo” per startup e aziende a corto di capitali.

La proposta di regolamento, prevista nel programma di lavoro della Commissione per il 2018, dev’essere inquadrata nel più ampio contesto del “Capital Market Union” (http://www.consob.it/web/investor-education/verso-il-mercato-unico-dei-capitali), progetto portato avanti fin dal 2014 dalla Commissione europea che, come suggerisce il nome, mira all’unione dei mercati di capitali.

Obiettivo finale del progetto è la creazione di un autentico mercato interno di capitali, ottenibile riducendo la frammentazione dei mercati, appianando gli ostacoli normativi al finanziamento dell’economia ed offrendo alle aziende europee, incluse le Pmi, un sempre più ampio ventaglio di fonti di finanziamento e capitali.

Con tale regolamento nascerebbe un’etichetta europea per le piattaforme di crowdfunding alla quale i portali accreditati dovrebbero aderire per essere abilitati all’attività internazionale.

A supervisionare il progetto vi è l’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (Esma).

 

La prima lettura di marzo è parsa limitante: come mai?

A marzo, alla prima lettura del testo, erano emersi punti che rendevano limitante, se non addirittura controproducente, l’eventuale adesione delle piattaforme crowdfunding al proposto modello europeo. 

Anzitutto, il tetto massimo di raccolta è stato fissato a €1 milione, mentre in molti Paesi il limite è notevolmente maggiore. In Italia, ad esempio, è di 5 milioni. Inoltre, il limite è riferito non alla singola campagna ma a un periodo di 12 mesi da quando la società lancia la raccolta; in tal modo una società non potrebbe lanciare due round in un anno per un importo complessivo maggiore al 1 milione. 

La proposta di regolamento è stata molto rigida anche riguardo alla comunicazione e al marketing: le piattaforme non potranno comunicare le campagne con nessun mezzo di comunicazione, incluse email, anche interne, e social network. 

L’utilizzo di SPV (Special Purpose Vehicle) come strumento di raccolta è vietato a meno che ESMA non lo ritenga giustificato. Se teniamo conto che nel mercato del real estate l’utilizzo degli Spv è praticamente obbligatorio, si capisce che tale prescrizione potrebbe risultare un problema per le piattaforme di real estate crowdfunding. 

Anche la gestione dei conflitti di interesse risulta essere piuttosto restrittiva: per esempio, non consente a chi detiene almeno il 20% di quote della piattaforma di lanciare campagne di crowdfunding per sé o per società controllate. Misura che renderebbe complesso a fondi VC, banche o grandi imprese che puntano su Open Innovation, finanziare le piattaforme di Crowd Investing entrando nel loro capitale. 

 

Possibili modifiche

II testo è stato discusso a Bruxelles lo scorso 29 agosto dalla Commissione per i problemi economici e monetari del parlamento Ue.

In tale sede sono state ipotizzate modifiche che renderebbero più appetibile l’adesione alla label per le piattaforme: il tetto massimo di raccolta passerebbe dall’attuale milione a 8 milioni di euro e nel regolamento verrebbero inclusa anche la possibilità di lanciare I.C.O. (Initial Coin Offering).



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2018

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it