Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Pubblicità - CEDU: manifesti, violazione della morale e libertà di espressione

07 marzo 2018 -
Pubblicità - CEDU: manifesti, violazione della morale e libertà di espressione

In caso di presunta violazione della libertà di pensiero, di coscienza e di religione ad opera di manifesti pubblicitari, le autorità nazionali competenti devono verificare l’opportunità di adottare misure restrittive alla libertà di espressione dell’azienda pubblicitaria in questione conformemente ai canoni della legalità e della necessità delle misure stesse, allo scopo di evitare un’ingiustificata repressione della libertà di espressione.

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo è stata investita della questione avente ad oggetto la presunta violazione del diritto alla libera espressione, garantito dall’articolo 10 della Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU) ad opera di una multa imposta da un’autorità nazionale Lituana.

 

Il fatto

Un’azienda pubblicitaria Lituana (“l’azienda”) aveva lanciato nel Settembre 2014 una nuova linea di abbigliamento. Per la pubblicità erano stati realizzati disegni di due giovani, un uomo dai capelli lunghi incorniciati da un’aureola, barba e tatuaggi con indosso un paio di jeans, accompagnato dalla scritta “Gesù, che pantaloni!”. La donna invece vestiva una tunica bianca, un copricapo pieno di fiori e, similmente al primo soggetto, un’aureola e la didascalia “Maria, che vestito!”.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2018

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it