Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

È improcedibile il procedimento di mediazione svoltosi tra i soli avvocati e mediatore

11 febbraio 2019 -
È improcedibile il procedimento di mediazione svoltosi tra i soli avvocati e mediatore

Condizioni per la valida presenza di un terzo 

Nel caso in cui le parti decidano di delegare un soggetto terzo, ai fini del corretto svolgimento del procedimento, queste sono soggette all’osservanza di alcune condizioni:

  • dimostrare l’esistenza di una causa tale da impedire loro di essere presenti personalmente. In particolare, l’impedimento deve avere le caratteristiche di “un impedimento oggettivo (cioè tale da non consentire alla parte, che pure vorrebbe intervenire, la materiale possibilità di presenziare agli incontri), assoluto (vale a dire non superabile con uno sforzo di ordinaria lealtà e diligenza) e non temporaneo (cioè idoneo a protrarsi per un periodo di tempo superiore ai termini di durata massima della procedura di mediazione)”.
  • È necessario, inoltre, che la parte delegata sia effettivamente a conoscenza dei fatti che hanno dato origine al conflitto e che sia dotata - tramite il rilascio di una speciale procura - “del potere di assumere decisioni vincolanti per la parte rappresentata, nella fase di ricerca di una soluzione amichevole della controversia”.

Come precisato nella sentenza, tuttavia, tenendo conto della natura del procedimento di mediazione stesso, il rappresentante non potrà mai identificarsi nella persona dell’avvocato che difende e rappresenta la parte in giudizio. In particolare, la funzione meramente assistenziale dell’avvocato all’interno del procedimento di mediazione, non essendo diretta a formulazioni normative e funzioni di rappresentanza, andrebbe solamente a minare i canoni più sentiti della mediazione, ovvero informalità e speditezza.

In conclusione, il solo svolgimento della mediazione tra gli avvocati e il mediatore precluderebbe un contatto diretto con le persone protagoniste del conflitto e comprometterebbe le notevoli potenziali dell’istituto, sia dal punto di vista di una soluzione amichevole e pacifica, sia sotto il profilo della deflazione del contenzioso giudiziario.

Per visualizzare il testo dell’ordinanza clicca qui.

(Tribunale di Vasto, sentenza del 17 dicembre 2018)



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2019

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it