Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Scusi, mi è finito il pallone nel suo giardino (1880)

05 marzo 2018 -

In questa nuova rubrica pubblichiamo a intervalli regolari i post più interessanti scritti da Pasquale Tammaro sul blog massimedalpassato.it

 

Chi come me ha avuto la fortuna di crescere in un piccolo paese, avrà molto probabilmente provato la gioia di giocare a pallone in strada, nelle piazzette e su qualsiasi superficie o spazio dove si potesse simulare un campetto improvvisato.

Ricorderà vividamente di quei lontani giorni il sapore ineffabile della spensieratezza, la voluttuosa eleganza delle toppe alle ginocchia, le voci tenorili per le finte telecronache alla radio, le faide sanguinarie per l’assegnazione di un rigore e il triplice fischio cadenzato al tramonto.

Ma soprattutto ricorderà benissimo il terrore e il vuoto allo stomaco di quando il pallone (normalmente un Super Santos, per i più benestanti il Tango, per i meno abbienti il Super Tele) finiva in strada, magari sotto una macchina, giù poi lungo la discesa, fino a terminare la propria corsa oltre in cancelletto della casa del vecchietto burbero o, peggio, dell’esercente esasperato dal baccano di noi piccoli chiassosi calciatori.

Quando il pallone si fermava proprio in terreno nemico, il giuoco poteva considerarsi bello che concluso e si poteva tornare a casa per la merenda (qualsiasi ora fosse). Nessuno avrebbe avuto infatti il coraggio di scavalcare il muretto e andarsi a riprendere il pallone, rischiando il linciaggio.

Nella migliore delle ipotesi, il pallone sarebbe stato riconsegnato il giorno dopo, accompagnato da sonori avvertimenti e ultimatum. Nella peggiore, veniva squartato direttamente la sera stessa alla presenza degli astanti con il coltello da macellaio (nel mio caso l’esercente esasperato era proprio un macellaio), e poi restituito a brandelli a mo’ di monito per i futuri palloni.

Ah se allora avessi saputo di questa sentenza della Corte di Cassazione di Torino del 1880 !

Mi sarei presentato bussando alla porta con fare deciso, con il mio bel papiro in mano, e avrei detto: devo ritirare il mio pallone, è un mio diritto: leggete qui!

[Continua a leggere l’articolo cliccando qui]

 

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su www.massimedalpassato.it, un blog che si propone di recuperare la storia politica, sociale e civile (prima ancora che giuridica) del nostro paese attraverso le sentenze e gli scritti giuridici di tanti anni fa”.

About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2018

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it