Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Michel Pastoreau: pagare per uno stemma

02 luglio 2018

Nel mese di novembre del 1696 venne promulgato un editto reale che ordinava il censimento di tutti gli stemmi utilizzati nel regno di Francia, al fine di registrarli in un’immensa raccolta: l’Armorial général. L’editto non aveva affatto lo scopo di limitare l’uso degli stemmi a determinate classi sociali, come si è talora sostenuto. Al contrario, si proponeva di recensire tutti gli stemmi portati nel regno, nella speranza che fossero quanto più possibile numerosi. Perché il vero scopo dell’editto era fiscale: si trattava di uno  dei tanti mezzi per fare entrare dei soldi nelle casse dello stato svuotate dalla guerra della Grande Alleanza. Sotto pena di un’ammenda di 300 lire e la confisca  dei beni mobili stemmati, tutti coloro che portavano un’arme, nobili o meno che fossero, individui o comunità, erano tenuti a farla registrare e contestualmente pagare i relativi oneri, il cui importo dipendeva dalla natura del detentore: per i privati ammontava a venti lire, una somma considerevole. Chi desiderasse, in seguito, modificare il proprio stemma, doveva registrarlo di nuovo e pagare un’altra volta i diritti. 

[Michel Pastoureau, Figure dell’araldica, Ponte alle grazie, 2017, p. 17]

About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2019

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it