Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Ebrei, eretici e tutti quelli extra Ecclesiae gremium

03 settembre 2018 -

Tractatus de Iure Personarum extra ecclesiae gremium existentium. Cui propter argumenti similitudinem annexum est alter Tractatus de Neophytis

Ricciulli Antonio

Stampato da Andream Phaeum, Romae, 1622

in folio | cm 29 x 19  

10 cc-nn. 580 pp. (mal cif. 630), 1a c.b., 4 cc-nn. 22 cc-nn.

Piena pergamena coeva con dorso a 4 nervi

 

Il libro era «destinato a restare assai a lungo il punto di riferimento normativo per le materie riguardanti gli ebrei, almeno fino a quando prevalse la decretazione di Benedetto XIV» (seconda metà del 700). Oltre a «iudaeis et infedelibus in genere» (con annessi catecumeni), il testo era dedicato a scomunicati, eretici, apostati e scismatici. Pur manifestando una piena ortodossia, Ricciulli osservava i fenomeni con sguardo da giurista e non da teologo né da apologeta. Tale orientamento favoriva un’attitudine non rigidamente intollerante. In materia di battesimo forzato ai bimbi ebrei senza il consenso dei genitori, il giurista calabrese elencava alcuni casi in cui lo riteneva lecito, ma proponeva al contempo «proibizioni e limiti più stretti alla pratica», con una «posizione più possibilista e interlocutoria» (pp. 86, 204 e passim).

Indicativo anche l’atteggiamento nei confronti degli eretici. Affrontando il tema «dubius in fide: an sit haereticus», Ricciulli lo poneva problematicamente, con un «se», mentre la più rigida ortodossia prescriveva che, di per sé, «dubius in fide est haereticus»  C.f.r.  Treccani. Dizionario Biografico degli Italiani.

 

Note sull’opera

Bella Antiporta incisa in rame, da pp. 607 in fine: "Tractatus de Neophytis". Alone al margine inferiore esterno, tarletti alle prime e ultime carte e al margine inf. esterno bianco di alcune altre carte, margine inferiore esterno dell’ultima carta appiccicato al piatto inferiore con perdita di qualche parola.

 

Note sull’autore

Ricciulli Antonio

Giurista cosentino nato nel 1582 e morto a Napoli nel 1643. Studiò a Roma dove iniziò la sua attività di giurista. Urbano VIII lo fece nel 1626 Vescovo di Belcastro facedogli lasciare la professione forense e consacrandolo sacerdote. L’anno dopo fu nominato vicegerente di Roma carica che gli dava notevoli competenze giurisdizionali civili, criminali ma anche in materia di sessualità, ebrei, matrimonio, prostitute e neofiti. Nel 1632 fu Vescovo di Umbriatico e l’anno successivo divenne Ministro delegato del Sant’Uffizio a Napoli. Infine nel 1641 fu nonminato arcivescovo di Cosenza. Ci ha lasciato diverse opere di diritto e alcune opere di storia.

[Proposte della Libreria Giuridica Bonfanti di Bonfanti Luigi per i lettori di Filodiritto]

About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2018

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it