Rivista Percorsi penali - 1/2021

Percorsi penali

GIGLIO - ZAMA: Editoriale

Il legislatore e il suo giudice: novità normative e nella giurisprudenza Costituzionale

TAMBURRANO: Revenge porn ovvero quando la goliardia non è più uno scherzo: analisi e riflessioni sulla nuova fattispecie di cui all’art. 612-ter del codice penale

ROMBOLI: Il whistleblowing in Italia: quali effetti per il diritto penale?

ARBOTTI: Diffamazione a mezzo stampa e pena detentiva: la Corte costituzionale contesa tra il rischio di “chilling effect” del diritto fondamentale all’informazione e il necessario rispetto degli spazi di discrezionalità del legislatore. Nota a Corte cost. ord. 9 giugno 2020, n. 132.

Le mafie e la loro considerazione giurisprudenziale

MANNA - PICCARDI: Sezioni unite penali versus CEDU sui fratelli minori di Contrada: problema dogmatico o scelta di politica criminale?

DAMANTE: Verso un terzo binario? La progressiva simbiosi tra normativa antimafia e strumenti di contrasto alla corruzione sommersa, alla luce della recente legge n. 3 del 2019 (c.d. “Spazzacorrotti”)

BRUCALE: Se tutto è mafia, niente è mafia. La mafia silente

Gran Bazar

GIGLIO e RADI: I desaparecidos dell’uso sbagliato del potere cautelare: quando lo Stato non paga l’ingiusta detenzione

La triade del giudizio

LOSAPPIO: Verità, giudizio penale e formula BARD

CASTAGNO: “La sostanziale priorità della perizia disposta dal Pubblico Ministero” (Cass. Pen. Sez. III n. 16458/2020). Lo specchio della giustizia dei giorni nostri?

TOMA: Dossier sul virus di stato: intercettazioni e funzioni atipiche tra violazioni della privacy ed esigenze di tutela

D’ERRICO: Video-intervista al Professore Daniele Negri

Dall’archivio di Filodiritto

MANZI: Le vie della seta nel Regno di Napoli

L’universo della pena

GONNELLA: Carceri. Norme, numeri e storie degli ultimi trent’anni

GIANFILIPPI: Quando il carcere è solo vendetta. Leggendo “Vendetta pubblica” di Marcello Bortolato ed Edoardo Vigna

Oltre confine

RADI: La giustizia vaticana

La lente di Strasburgo

SARTORI: La CEDU nel 2020

Orizzonti di diritto

TALAMO: L’algoritmo predittivo al servizio del processo penale

VITOBELLO: Diritto penale e neuroscienze: nuove frontiere, difficili equilibri

Per leggere la rivista accedi o abbonati a Filodiritto.

Abbonati per avere accesso illimitato a tutti i contenuti Premium.

Sei già abbonato? Effettua il Login.

Articoli

Editoriale

Editoriale
Vincenzo Giuseppe Giglio, Antonio Zama

Il legislatore e il suo giudice: novità normative e nella giurisprudenza costituzionale

Revenge porn ovvero quando la goliardia non è più uno scherzo: analisi e riflessioni sulla nuova fattispecie di cui all’art. 612-ter del codice penale*
Antonio Tamburrano
Il whistleblowing in Italia: quali effetti per il diritto penale?*
Marco Romboli
Diffamazione a mezzo stampa e pena detentiva: la Corte costituzionale contesa tra il rischio di “chilling effect” del diritto fondamentale all’informazione e il necessario rispetto degli spazi di discrezionalità del legislatore. Nota a Corte cost. ord. 9 giugno 2020, n. 132.*
Mario Arbotti

Le mafie e la loro considerazione giurisprudenziale

Sezioni unite penali versus CEDU sui fratelli minori di Contrada: problema dogmatico o scelta di politica criminale? **
Adelmo Manna, Margherita Piccardi
Verso un terzo binario? La progressiva simbiosi tra normativa antimafia e strumenti di contrasto alla corruzione sommersa, alla luce della recente legge n. 3 del 2019 (c.d. “Spazzacorrotti”)*
Emanuele Damante
Se tutto è mafia, niente è mafia. La mafia silente
Maria Brucale

Gran Bazar

I desaparecidos dell’uso sbagliato del potere cautelare: quando lo Stato non paga l’ingiusta detenzione
Vincenzo Giuseppe Giglio, Riccardo Radi

La triade del giudizio

Verità, giudizio penale e formula BARD
Giuseppe Losappio
“La sostanziale priorità della perizia disposta dal Pubblico Ministero” (Cass. Pen. Sez. III n. 16458/2020). Lo specchio della giustizia dei giorni nostri?
Jean Paule Castagno
Dossier sul virus di stato: intercettazioni e funzioni atipiche tra violazioni della privacy ed esigenze di tutela*
Emanuele Toma
Video-intervista al Professore Daniele Negri
Francesco d’Errico

L’universo della pena

Carceri. Norme, numeri e storie degli ultimi trent’anni
Patrizio Gonnella
Quando il carcere è solo vendetta. Leggendo “Vendetta pubblica” di Marcello Bortolato ed Edoardo Vigna
Fabio Gianfilippi

Oltre confine

La giustizia vaticana
Riccardo Radi

La lente di Strasburgo

La CEDU nel 2020
Daria Sartori

Orizzonti di diritto

L’algoritmo predittivo al servizio del processo penale*
Veronica Clara Talamo
Diritto penale e neuroscienze: nuove frontiere, difficili equilibri*
Ilenia Vitobello

Libro

Mario Lamma

Momenti dilatati

Come una mano aperta

 

Come una mano aperta mostra le linee che solcano il palmo e incrociandosi tracciano le direzioni della vita simili a quelle che in un cielo notturno indicano una geografia di stelle, così la pelle della superficie terrestre -una volta che la fanghiglia ha lasciato, dileguatosi il ghiaccio, disegni enigmatici incisi con fitti tratti sottili- rivela, solo a chi sa interpretare le parole scritte con lettere di erbe secche e rametti storti e pagliuzze bruciate dal gelo, la segreta testimonianza di quanto è occorso nel breve tempo di una giornata invernale (in uno spazio pur così limitato che è stato sufficiente percorrerlo tutto con pochi passi misurati) e la memoria di una piccola apocalisse, trascorsa e poi placata.

È forse un erbario stretto tra fogli di tempo, un libro che si apre su pagine memorabili con grafie restate incancellate perché più durature di un ricordo, più affilate di un pensiero, più sottilmente misteriose di un messaggio affidato alla scrittura.

La terra asciuga il fossile come riduce l’ossigeno del vivente e riporta a scheletro la polpa dell’essere. Tracce e impronte lievi di dendriti arborescenti lasciano affiorare via via in spessore assottigliato delle increspature, e piccoli segni in punta d’argento affondano dove invece altri, più leggeri, aggallano in superficie. Terra e sabbia levigano e infine spengono il segno, staccano il perimetro delle forme dal loro limite organico in un modulato monocromo, ed è come il largo musicale di un fiume.

Ciò che resta è dunque una semplificazione segmentata di elementi, un tracciato a ventaglio di ciuffetti aghiformi, ravvicinati e fitti come il pelo che poteva spuntare su un tegumento spesso e duro di un animale gotico, una volta rampante, ma ora disteso, stampato a grisaille su una sensibile carta fotografica.

Gli occhi, dopo aver assorbito il grigio e il bianco del monocromo muovono lo sguardo verso un bagliore blu azzurro, nero ma smaltato di luce.

Azzardo nel pensare ad un’opera voluta da un artista consapevole: è invece opera del caso, se il caso esiste in natura. E se è aleatorio come un tiro di dadi ciò che natura crea giocando con regole proprie è invece precisa e mirata la volontà del fotografo che scopre, coglie e ferma quell’esito imprevedibile, quello e non un altro, e riesce a sorprendere l’apparizione nascosta muovendosi da un punto nello spazio per giungere ad un altro punto, finché su quel pezzetto di terra lì, proprio quello e non un altro (che prima di allora non era visto seppure fosse visibile e mostrava figure che nulla volevano rappresentare, ed esisteva così, semplicemente così) avviene il compimento della metamorfosi, effimero miracoloso transito da uno stato all’altro.

Così dunque il fotografo, macchina in spalla, passo dopo passo, lasciando che lo sguardo lo porti e scelga per lui un movimento della luce inatteso, un’ondulazione appena appena mossa nello scorrere lento di tracce vegetali nella liquidità di un corso d’acqua, si scopre fatto lui pure di terra aria acqua e cielo e si trova ad essere fratello di quella unica natura indivisa che oltre a peso qualità e misura è sentimento del creato, vivente o già esistente, e partecipa a quel Nulla che senza contraddizione è anche quel Tutto.

E sa, l’artista fotografo, che questo uguale momento nel tempo, quest’acqua che scorre come l’aria che ora respira non saranno mai più gli stessi perché sono unici e irripetibili. Solo allora può compiere l’evento straordinario: ferma con gli occhi, con il respiro, con il cuore il momento, quel momento, fugacemente eterno.

Alessandra Rizzi

Opere dell'autore