Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Agenzia - MISE: ultima chiamata per gli agenti di commercio, riapertura dei termini per l’iscrizione nel Registro delle Imprese o nel Rea

05 novembre 2018 -
Agenzia - MISE: ultima chiamata per gli agenti di commercio, riapertura dei termini per l’iscrizione nel Registro delle Imprese o nel Rea

Con la Circolare 3709/C del 19 ottobre scorso, il MISE ha chiarito il contenuto e la portata dell’articolo 11 ter I comma del Decreto Mille proroghe 2018, convertito nella Legge 108 del 21 settembre 2018, ai sensi del quale gli agenti e i rappresentanti di commercio in passato iscritti nell’apposito Ruolo (RAR - soppresso il 12 maggio 2012 con D. Lgs. 26.03.2010 n. 59), qualora non vi avessero provveduto entro i termini precedentemente previsti, potranno ancora – sino al 31 dicembre 2018 – iscriversi al Registro delle Imprese oppure aggiornare la propria posizione transitando nell’apposita sezione del Rea (Repertorio economico amministrativo). 

Si tratta di una riapertura del termine originariamente previsto al 12 maggio 2013 (dal Decreto ministeriale 23 aprile 2013), poi prorogato al 30 settembre 2013, entro il quale l’agente iscritto al RAR alla data di soppressione del Ruolo (13 maggio 2012), avrebbe potuto e dovuto aggiornare la propria posizione, a pena di inibizione alla prosecuzione dell’attività e decadenza dalla possibilità di iscrizione nel Registro delle Imprese o nel Rea, nonché perdita dell’abilitazione derivante dalla precedente iscrizione al RAR

Nonostante la prima proroga – ferma comunque la possibilità di presentare all’ufficio del registro della Camera di Commercio della provincia o delle province di esercizio dell’attività l’apposita SCIA, corredata delle certificazioni e delle dichiarazioni sostitutive previste dalla legge 204/1985, come per qualsiasi nuovo agente – era ancora elevato il numero degli agenti di commercio precedentemente iscritti al RAR, che, non avendo aggiornato la propria posizione, si trovava nell’impossibilità di esercitare l’attività e privato del requisito abilitante della pregressa iscrizione al ruolo per una futura ripresa dell’attività. Con il Decreto Mille proroghe 2018, il legislatore ha pertanto riaperto i termini per consentire nuovamente l’aggiornamento telematico dell’iscrizione nel Registro delle Imprese o nel Rea. 

La riapertura, a differenza della precedente proroga, riguarda i soli agenti e rappresentanti di commercio già iscritti al RAR (e non cancellati) e non anche gli agenti di affari in mediazione, spedizionieri e mediatori marittimi, pur interessati dalla soppressione dei ruoli camerali. 

Gli agenti e i rappresentanti inadempienti o ritardatari interessati, che non coglieranno nemmeno questa opportunità, perderanno definitivamente la possibilità di far valere l’iscrizione al RAR quale requisito abilitante per iscriversi al Registro delle Imprese e avviare l’attività, o di aggiornare la propria posizione transitando nel Rea e mantenendo valido il requisito per il futuro. 

(Ministero dello Sviluppo Economico, Circolare 19 ottobre 2018, 3709/C Prot. 366483: Agenti e rappresentanti di commercio, legge 21 settembre 2018, n. 108)



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2018

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it