Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Il caso Dragonfly ed il caso Maven: Google e la negoziazione coi principi etici

26 settembre 2018 -
Il caso Dragonfly ed il caso Maven: Google e la negoziazione coi principi etici

Di Ilaria Lezzi

 

La notizia secondo cui Google stesse sviluppando un motore di ricerca ad hoc per la Cina ha scatenato dure reazioni da parte di un gruppo di dipendenti della multinazionale. Gli oltre mille firmatari della lettera di protesta, oltre ad esprimere la loro contrarietà al progetto, hanno esortato i vertici del colosso a ridefinire i principi etici e di trasparenza dell’azienda.

L’incontro tra il CEO di Google, Sundar Pichai, ed un altro funzionario del governo cinese lo scorso dicembre ha funto da catalizzatore all’implementazione del progetto “Dragonfly”, che era stato discusso a grandi linee nella primavera del 2017. Google avrebbe offerto il proprio supporto a sviluppare un software di ricerca sulla base delle esigenze del governo cinese, censurando l’accesso ai contenuti che il regime di Xi Jinping reputa come sfavorevoli, per mezzo di un sofisticato sistema di filtraggio, blocco e reindirizzo; la creazione immediata di liste nere, inoltre, impedirebbe a terzi il suggerimenti della ricerca di informazioni o immagini vietate dal regime.

Il tradizionale motore di ricerca di Google è fuori uso in gran parte della Repubblica Popolare Cinese, poiché bloccato dal Great Firewall (防火 长城)[1] – sottosistema del più ampio disegno di censura e di sorveglianza Golden Shield– implementato dal Ministero di pubblica sicurezza cinese per bloccare dati potenzialmente sfavorevoli provenienti dai paesi stranieri. La legislazione cinese fa sì che i mezzi di informazione on-line debbano attenersi ai decreti del governo, con lo scopo di “rendere Internet un editore di teorie scientifiche, mantenere la stabilità sociale e promuovere la costruzione di una società socialista armoniosa”[2].

I dipendenti del colosso informatico hanno denunciato di essere frequentemente all’oscuro di informazioni necessarie per compiere scelte responsabili nel proprio lavoro ed il progetto -inizialmente noto solo ad una ristretta cerchia- solleva “urgenti questioni etiche e morali”.

Dragonfly ha provocato un contraccolpo immediato all’interno della gerarchia aziendale e la protesta indubbiamente non facilita il ritorno di Google in Cina, assente dal 2010, dopo essersi tra l’altro ritirato spontaneamente poiché non condivideva i criteri di censura e sorveglianza imposti da Pechino[3].

Questo caso segue un’altra controversia scaturita per principi etici in casa Google. Con una simile lettera di denuncia, circa quattromila funzionari hanno espresso la loro disapprovazione in merito all’accordo tra l’azienda ed il Dipartimento di Difesa statunitense. Lo scopo del progetto “Maven” (o AWCFT – Algorithmic Warfare Cross-Functional Team) consiste nello sviluppare sistemi di intelligenza artificiale per i droni militari di prossima generazione, incrementando l’integrazione tra le tecnologie per il riconoscimento di obiettivi sensibili ed i processi di elaborazione di big data.

Sebbene non palesati i limiti del supporto di Google, se cioè circoscritti a migliorare la capacità di sorveglianza dei droni o se estesi anche a dotare gli stessi di avanzate capacità di attacco autonomo, la sola collaborazione tra Google e il Pentagono è bastata a far scatenare la tensione. La segretezza del progetto, mantenuta fino alla comunicazione aziendale oltre sei mesi dopo la sua finalizzazione, ha contribuito sicuramente ad aizzare la perplessità.

Al centro della disapprovazione dei dipendenti, dodici dei quali si sono addirittura dimessi, il timore che il progetto potesse avere direttamente o indirettamente finalità belliche; la sua attuazione, quindi, ignorerebbe la responsabilità etica e morale dell’azienda e metterebbe altrettanto a repentaglio la fiducia degli utenti.

La questione ha condotto a conseguenze tangibili: i vertici della multinazionale hanno manifestato l’intenzione di non rinnovare il contratto col Pentagono e, in seconda istanza, hanno redatto una lista di principi ai quali attenersi nella progettazione, sviluppo e distribuzione delle proprie soluzioni di intelligenza artificiale. Nelle linee guida etiche, Google si impegna a non fornire supporto per lo sviluppo di armamenti ed applicazioni di sorveglianza e a circoscrivere piuttosto il suo impegno a progetti in grado di apportare benessere condiviso, ridurre l’ingiustizia sociale e che, nel complesso, rispettano l’integrità dell’individuo ed i principi del diritto internazionale[4].

Questi episodi rilevano l’esistenza di trade-off considerevoli e creano il precedente per la definizione di nuovi standard di regolamentazione. Progettare e distribuire soluzioni tecnologiche implica, non solo porre attenzione sulla riuscita dell’output finale ma, altrettanto, trovare un compromesso con l’etica ed i diritti individuali.

Articolo pubblicato in: New technology, Diritto dell'informatica


About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2018

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it