Art. 635 - Danneggiamento (1)

1. Chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili cose mobili o immobili altrui con violenza alla persona o con minaccia ovvero in occasione [di manifestazioni che si svolgono in luogo pubblico o aperto al pubblico o] (2) del delitto previsto dall’articolo 331, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni.

2. Alla stessa pena soggiace chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili le seguenti cose altrui:

1) edifici pubblici o destinati a uso pubblico o all’esercizio di un culto o cose di interesse storico o artistico ovunque siano ubicate o immobili compresi nel perimetro dei centri storici, ovvero immobili i cui lavori di costruzione, di ristrutturazione, di recupero o di risanamento sono in corso o risultano ultimati o altre delle cose indicate nel numero 7) dell’articolo 625;

2) opere destinate all’irrigazione;

3) piantate di viti, di alberi o arbusti fruttiferi, o boschi, selve o foreste, ovvero vivai forestali destinati al rimboschimento;

4) attrezzature e impianti sportivi al fine di impedire o interrompere lo svolgimento di manifestazioni sportive.

3. Chiunque distrugge, disperde, deteriora o rende, in tutto o in parte, inservibili cose mobili o immobili altrui in occasione di manifestazioni che si svolgono in luogo pubblico o aperto al pubblico è punito con la reclusione da uno a cinque anni. (3)

4. Per i reati di cui [al primo e al secondo comma] ai commi precedenti (4), la sospensione condizionale della pena è subordinata all’eliminazione delle conseguenze dannose o pericolose del reato, ovvero, se il condannato non si oppone, alla prestazione di attività non retribuita a favore della collettività per un tempo determinato, comunque non superiore alla durata della pena sospesa, secondo le modalità indicate dal giudice nella sentenza di condanna.

(1) Articolo modificato ai sensi dell’art. 113, L. 689/1981, dall’art. 13, L. 352/1997, dall’art. 3-bis, DL 8/2007, convertito in legge, con modificazioni, con L. 41/2007 e dall’art. 3, comma 2, lett. a) e b), L. 94/2009. Successivamente, il presente articolo è stato così sostituito dall’art. 2, comma 1, lett. l), DLGS 7/2016.

(2) Il periodo tra parentesi quadre è stato soppresso dall’art. 7, comma 1, lettera d), DL 53/2019.

(3) Comma aggiunto dall’art. 7, comma 1, lettera d), DL 53/2019.

(4) Il periodo “al primo e al secondo comma” è stato soppresso e sostituito dal periodo “ai commi precedenti” dall’art. 7, comma 1, lettera d), DL 53/2019.

Leggi i commenti di approfondimento ai codici. Accedi o abbonati a Filodiritto.

Abbonati per avere accesso illimitato a tutti i contenuti Premium.

Sei già abbonato? Effettua il Login.