Art. 363

Formazione dell’inventario

L’inventario [Codice civile 362] si fa col ministero del cancelliere del tribunale o di un notaio a ciò delegato dal giudice tutelare [Codice civile 344], con l’intervento del protutore [Codice civile 360] e, se è possibile, anche del minore che abbia compiuto gli anni sedici, e con l’assistenza di due testimoni scelti preferibilmente fra i parenti o gli amici della famiglia [disposizioni di attuazione e transitorie Codice civile 46; Codice di procedura civile 769].

Il giudice può consentire che l’inventario sia fatto senza ministero di cancelliere o di notaio, se il valore presumibile del patrimonio non eccede euro 7,75.

L’inventario è depositato presso il tribunale.

Nel verbale di deposito il tutore e il protutore ne dichiarano con giuramento la sincerità [Codice civile 367, 368].

NOTA Questo articolo non è ancora commentato.
Leggi i commenti di approfondimento ai codici. Accedi o abbonati a Filodiritto.

Abbonati per avere accesso illimitato a tutti i contenuti Premium.

Sei già abbonato? Effettua il Login.