Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Rito Fornero: non si applica se la qualificazione del rapporto di lavoro coinvolge un soggetto terzo

11 settembre 2014 -

Il Rito Fornero non si applica se la “qualificazione del rapporto di lavoro”, ai sensi dell’art. 1, comma 47, Legge Fornero, coinvolge un soggetto terzo rispetto a lavoratore ed originario datore di lavoro. In caso di errore nel rito, andrà pronunciato il rigetto della domanda e non la conversione del rito.

Con Sentenza n. 2455/2014 pronunciata ai sensi dell’articolo 1, comma 57, Legge 92/2012 (cosiddetta “Legge Fornero”) in data 18 luglio 2014, la Dott.ssa Laura Bertoli della Sezione Lavoro del Tribunale di Milano ha definito il procedimento RG 3496/2014 di opposizione all’ordinanza conclusiva della fase sommaria ex articolo 1, comma 49, Legge Fornero, enunciando due principi di diritto, concernenti il Rito Fornero, oggetto di contrasti giurisprudenziali.

Il Tribunale ha ritenuto in primis, condivisibilmente, che il concetto di qualificazione del rapporto di lavoro, previsto dall’articolo 1, comma 47, Legge Fornero, debba riguardare esclusivamente il lavoratore e l’originario datore di lavoro, e non il primo ed un soggetto terzo.

Nella fattispecie, parte ricorrente adiva il Tribunale del Lavoro chiedendo la dichiarazione di nullità del licenziamento e la reintegrazione (non presso la società con cui era sorto il rapporto, bensì) presso la società cessionaria dell’azienda, lamentando una – di fatto – fittizia operazione di cessione d’azienda.

Il Giudice, in accoglimento dell’eccezione pregiudiziale sollevata dai legali delle parti resistenti Avv.ti Filippo Parisi e Paola Caferri, ha ritenuto che “la problematica della qualificazione debba riguardare unicamente il rapporto tra le stesse parti tra cui è intercorso il rapporto che ha portato all’atto impugnato e non tra una di esse e un soggetto terzo”, così negando l’applicabilità del Rito Fornero e rigettando la domanda per errore nel rito.

Conseguenza dell’errore di rito, inoltre, non potrà essere la conversione da Rito Fornero a Rito ordinario, bensì il rigetto della pretesa, in quanto la conversione non è espressamente prevista dalle norme procedurali del Rito Fornero, come avviene invece in altri casi: “non vi è margine per applicare l’articolo 4 del Decreto Legislativo 150/2011, invocato dalla ricorrente: la norma allude infatti alla diversa ipotesi di errore nella scelta tra i riti contemplati da quel decreto legislativo, nei casi previsti da quel decreto, e non altre ipotesi”.

Infine il Tribunale ha avuto modo di pronunciarsi, incidenter tantum, sulle sorti processuali della chiamata in causa di una persona giuridica già cancellata dal registro delle imprese, confermando in questo caso il costante indirizzo giurisprudenziale: “nel caso in esame l’estinzione della società è avvenuta prima dell’instaurazione del giudizio di opposizione … con la conseguenza (non di dar luogo ad un evento interruttivo del processo, non ancora pendente, bensì) di una vocatio in jus avvenuta invalidamente, nei confronti di soggetto ormai inesistente. Agli effetti giuridici, infatti, la cancellazione della persona giuridica dal registro delle imprese equivale al decesso della persona fisica … Trattandosi di inesistenza della chiamata in causa … il vizio si traduce nella mancata costituzione del rapporto processuale …; il vizio non è sanabile nel presente giudizio”.

Per la Sentenza clicca quì.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2017

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it