Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Possibili scenari applicativi del contratto di rete

22 ottobre 2018 -
Possibili scenari applicativi del contratto di rete

Indice

1. Premessa

2. Il quid pluris del contratto di rete

3. Il contratto di rete come preliminare di società

4. Contratto di rete e start-up innovativa: possibile iunctura

4. La trasformazione del contratto di rete in preliminare di fusione 

 

Abstract

European socio-economic changes need an innovative, flexible and competitive economic system; as a consequence, in the modern Italian juridical culture there is a crisis of the typical instruments in favour of soft law institutes which contribute to the development of the law in a dynamic way. That is what happened to an Italian institute (contratto di rete) that was born with specific purposes in 2009 but it has evolved in new and different shapes to answer the real requirement of the market.

I cambiamenti socio-economici europei richiedono al sistema produttivo italiano di essere innovativo, flessibile, competitivo e propenso ad investire in ricerca e sviluppo; di riflesso nella moderna cultura giuridica si sta verificando una crisi del concetto di tipicità a favore dell’accoglimento di forme di soft law, le quali contribuiscono allo sviluppo del diritto in modo più dinamico risolvendosi nel passaggio dai tipi ai modelli. Questo ciò che è accaduto al contratto di rete, strumento nato con precise finalità nel 2009, il quale si è evoluto, declinandosi sotto forme nuove e differenti al fine di rispondere alle concrete esigenze del mercato. 

 

1. Premessa

I cambiamenti socio-economici in corso nel contesto europeo sollecitano, in misura crescente, la tenuta competitiva del sistema produttivo italiano. L’internazionalizzazione dei mercati e l’innovazione tecnologica stanno modificando radicalmente il substrato nel quale operano le imprese con la conseguenza che l’elaborazione delle politiche economiche e di sviluppo si è incentrata sull’aumento della competitività e della capacità innovativa di queste, coerentemente con gli obiettivi europei e in linea con le indicazioni programmatiche contenute nello Small Business Act e nel programma Horizon 2020.

Tra gli asset principali sviluppati in ambito europeo, quello della cooperazione reticolare è stato accolto con fervente entusiasmo dal legislatore italiano tanto da indurlo ad elaborare, con legge 33/2009, un unicum nel panorama internazionale: il contratto di rete.

 

2. Il quid pluris del contratto di rete 

A seguito dell’emanazione del Decreto Legge n. 5 del 10 febbraio 2009, convertito in Legge n. 33 del 9 aprile 2009 e successivamente modificata dalla Legge n. 99 del 23 luglio 2009, le reti di imprese hanno ottenuto, all’articolo 3 comma 4-ter e seguenti, il loro riconoscimento formale con l’istituzione del contratto di rete, strumento attraverso il quale: «più imprenditori perseguono lo scopo di accrescere, individualmente e collettivamente, la propria capacità innovativa e la propria competitività sul mercato e a tal fine si obbligano, sulla base di un programma comune di rete, a collaborare in forme e in ambiti predeterminati attinenti all’esercizio delle proprie imprese ovvero a scambiarsi informazioni o prestazioni di natura industriale, commerciale, tecnica o tecnologica ovvero ancora ad esercitare in comune una o più attività rientranti nell’oggetto della propria impresa».

Da un’analisi accurata dello strumento è possibile coglierne il suo quid pluris rispetto al concetto di rete in senso lato, il quale si sostanzia nella dinamicità, unita alla flessibilità e all’ampia autonomia contrattuale concessa alle parti.

Tali caratteristiche consentono di declinare lo strumento verso usi nuovi e differenti e, soprattutto, permettono di qualificarlo non più come un mero punto di arrivo ma, piuttosto, come il punto di partenza di un percorso da costruire, il quale potrebbe evolvere verso forme più stabili e durature.

 

3. Il contratto di rete come preliminare di società 

Alcuni elementi insiti nella natura stessa dello strumento predisposto dal legislatore del 2009, primo tra questi l’ampia autonomia lasciata alle parti, hanno concorso ad una sua qualificazione in termini di banco di prova della buona riuscita o meno dell’obiettivo che ci si è preposti di realizzare; il contratto può essere una possibilità concessa agli aderenti per conoscersi meglio, sperimentare rapporti di collaborazione al fine di verificare la propria compatibilità in vista di progetti futuri.

Questa fase di trattative e precedenti e progressive sperimentazioni dell’operare insieme, volta a raggiungere un assetto definitivo di corporate, qualifica il contratto di rete come un preliminare di società.

È opportuno chiarire che con il termine «preliminare» si indica un ante ad una eventuale costituzione nel quale non sussistono ancora gli elementi essenziali, né l’indicazione del tipo della futura costituenda società; pertanto potremmo parlare di preliminare atipico non coincidente con la lettura giurisprudenziale in merito.

Tuttavia la dinamicità del contratto si esprime proprio attraverso il cambiamento progressivo dello strumento, il quale nasce come mero contratto di scopo avente uno specifico oggetto, successivamente si dota di una società-veicolo funzionale al raggiungimento degli obiettivi predisposti nel programma ed infine viene superato con la costituzione ex novo di un ente giuridico societario che andrà ad affiancarsi alle attività già esistenti degli imprenditori coinvolti, senza che questi perdano la propria autonomia ed identità imprenditoriale.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2019

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it