Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Terrorismo e reati contro la sicurezza dello Stato - RFT

Competenza e attività della Generalbundesanwaltschaft della RFT nel 2017 e nel 2018 27 gennaio 2019 -
Terrorismo e reati contro la sicurezza dello Stato - RFT

Abstract

La delicatezza delle indagini in materia di reati di terrorismo e di parecchi reati contro la sicurezza dello Stato, ha indotto il legislatore della RFT a prevedere la “Sonderzuständigkeit” (competenza “speciale”) del “Generalbundesanwalt”. Da qualche anno, anche nella RFT, questi reati hanno segnato un considerevole aumento, dopo una significativa flessione seguita all’arresto di quasi tutti gli appartenenti alla RAF. Le statistiche, disponibili purtroppo soltanto per gli anni 2017 e 2018, dimostrano che la Generalbundesanlwaltschaft è stata particolarmente attiva e “vigile” nel passato biennio.

Indice:  

1.Il Generalbundesanwalt e sue funzioni e competenze

2.Non sovraordinazione gerarchica del GBA

3.Procedimenti per terrorismo iniziati nel 2017 e 2018  

4.Terrorismo interno e “estero”

 

1. Il Generalbundesanwalt e sue funzioni e competenze

Il § 142 a del “Gerichtsverfassungsgesetz” (GVG = Ordinamento giudiziario) prevede che le funzioni di PM sono esercitate dal “Generalbundesanwalt” (GBA) nei casi in cui si procede per uno dei reati riservati alla competenza - in 1° grado - delle Corti d’appello (OLG), reati indicati nel § 120, comma 1, GVG. Il comma 2 del citato paragrafo obbliga il “Generalbundesanwalt” - qualora ravvisi la particolare importanza del caso - ad avocare a sè le indagini, se si procede per uno dei reati elencati nel predetto comma 2.

Il GBA viene nominato dal Presidente della Repubblica su proposta del ministro federale della Giustizia e con “Zustimmung des Bundesrates” (Camera dei Länder). È un “politischer Beamter”, che fa parte del potere esecutivo ed è soggetto alle direttive del ministro della Giustizia (è “weisungsgebunden”). Per le “Weisungen” vale però il “Legalitätsprinzip” e non l’Opportunitätsprinzip, per cui ogni “Weisung” deve essere “rechtmäßig”. Non può non condividere gli obiettivi politici del Governo federale per quanto concerne la sicurezza e la lotta contro la criminalità. Nella sua attività, il GBA è affiancato da “Stellvertretenden Generalbundesanwälten”, da “Oberstaatsanwälten” e da “Staatsanwälten”. Complessivamente dispone di c.a. 200 collaboratori.

Oltre a rappresentare l’Accusa nei processi che si svolgono dinanzi alla Corte suprema federale, (BGH), è competente, in particolare (si parla di “Sonderzuständigkeit”) per reati di terrorismo e per “Staatsschutzdelikte”, delitti contro il Bund e delitti, i cui autori agiscono “grenzüberschreitend” (vale a dire, se i reati “interessano” due o più “Länder” o anche due o più Stati (specie, se comunitari). Si tratta, in particolare, di reati contro l’“innere und/oder l’äußere Sicherheit” della RFT, di spionaggio, di “Landesverrat”.

Particolarmente importante è l’ alleinige Zuständigkeit” del GBA in materia di “Verbrechen des Völkerstrafrechtes” (secondo il VStGB).

La “Bundesanwaltschaft” (GBA) ha sede a Karlsruhe presso la Corte suprema federale (BGH).

A proposito della competenza del GBA, è da osservare che quella prevista dal § 120, c. 2, GVG, viene indicata anche come “Evokationsrecht” (una specie di diritto di avocazione). Questo comma disciplina i casi in cui il GBA avoca a sé le indagini in materia di determinati “staatsgefährdenden Delikten” (delitti che mettono in pericolo lo Stato), se reputa la “besondere Bedeutung des Falles” (la particolare importanza del caso). Vi rientrano, la costituzione di associazioni per delinquere, anche se la costituzione è avvenuta all’estero, ma interessa comunque la RFT, nonché reati gravi, che, secondo le circostanze, sono atti a minacciare la sicurezza interna o/ed estera della RFT o del suo ordinamento costituzionale. È da osservare che l’“Evokationsrecht des GBA” non è una mera facoltà dello stesso, ma che egli è tenuto ad agire in tutti i casi in cui è ravvisabile la “besondere Bedeutung des Falles”.

Nei casi previsti dal § 120, comma 2, GVG, l’attività del GBA è soggetta a controllo. Nel corso delle indagini preliminari, il controllo avviene da parte dell’“Ermittlungsrichter” presso la Corte suprema federale (BGH) se si tratta di “Maßnahmen, die dem Richtervorbehalt unterliegen” (per esempio ordinanze di custodia cautelare in carcere, perquisizioni domiciliari, sequestri, intercettazione di comunicazioni). Dopo l’“Anklageerhebung”, il controllo “passa” alla Corte d’appello.

Considerato che il GBA è “Anwalt des Bundes”, può intervenire, per esempio, anche in procedimenti dinanzi alla giustizia amministrativa (Bundesverwaltungsgericht), davanti al Bundesfinanzhof o del Bundesdisziplinargericht.

 

2. Non sovraordinazione gerarchica del GBA

Va rilevato che l’organizzazione delle procure della Repubblica, nella RFT, è “Ländersache” e che la “Bundesanwaltschaft” non è gerarchicamente sovraordinata, né alle procure della Repubblica, né alle procure generali della Repubblica dei Länder. Le procure generali dipendono dai ministri della Giustizia dei Länder. La “Bundesanwaltschaft” non ha potere di impartire direttive alle procure della Repubblica; questo potere spetta ai procuratori generali dei Länder.

La competenza del Generalbundesanwalt (GBA) - che ha carattere primario (“primäre Zuständigkeit”, detta anche “originäre Zuständigkeit”) - è stata introdotta per effetto del “Gesetz zur allgemeinen Einführung eines 2. Rechtszuges in Staatsschutz-Strafsachen vom 8.9.1969”. Con questa legge, il Gesetzgeber ha assicurato un secondo grado di giudizio in materia di delitti contro lo Stato e di terrorismo; fino ad allora sussisteva, in materia, l’“erstinstanzliche Zuständigkeit” della Corte suprema federale (“Bundesgerichtshof” - BGH), con conseguente preclusione di un secondo grado di giudizio. Pur dopo l’emanazione della predetta legge, è stata sostanzialmente conservata la “zentrale Zuständigkeit des GBA” per quanto concerne i reati, ai quali sopra si è accennato.

Le procure della Repubblica, se ravvisano la competenza del GBA, sono tenute alla tempestiva trasmissione degli atti alla “Bundesanwaltschaft”. Se vi è conflitto in ordine alla competenza tra una Procura della Repubblica e la “Generalbundesanwaltschaft”, decide il GBA e il suo provvedimento non è soggetto a impugnazione o reclamo di sorta. 

Articolo pubblicato in: Diritto penale, Diritto Tedesco


About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2019

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it