Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

La pericolosa battaglia della Ue contro le “fake news”

10 luglio 2018 -
La pericolosa battaglia della Ue contro le “fake news”

Di Luca Susic

 

I recenti scandali che hanno coinvolto Facebook/Cambridge Analytica, nonché le pressanti accuse alla Russia di aver interferito nelle elezioni statunitensi e di alcuni paesi europei, hanno convinto la Commissione Europea della necessità di adottare quanto prima una serie di contromisure.

A tale scopo è stato creato l’HLEG, il gruppo di 39 esperti scelti dalla UE per sviluppare delle linee guida in materia di contrasto alla disinformazione, che nel marzo di quest’anno ha pubblicato un documento programmatico dal titolo “Un approccio multidimensionale alla disinformazione”.

Il testo, suddiviso il 5 capitoli e 1 allegato, costituisce il tentativo di questo gruppo di esperti di elaborare al meglio delle soluzioni in grado di limitare il fenomeno della disinformazione. All’interno del IV capitolo intitolato “risposte ed azioni” vengono esplicitati i cinque ambiti su cui l’HLEG reputa che si debba concentrare la risposta europea:

Trasparenza: le piattaforme devono fare di più per aiutare i lettori ad identificare i contenuti sponsorizzati durante le campagne politiche, nonché per evidenziare chi siano i produttori delle informazioni. Viene richiesta, inoltre, l’introduzione di maggiori accortezze per segnalare se un messaggio sia amplificato artificiosamente grazie all’uso di bots o di utenti pagati a tale scopo. In aggiunta a ciò, i media dovrebbero dotarsi delle capacità di rispondere ad eventuali “reclami” dei lettori e di rettificare tempestivamente gli articoli o servizi contenenti informazioni non corrette. L’obiettivo finale, quindi, dovrebbe essere quello di mettere i “clienti” nelle condizioni di sapere tutto sull’origine delle informazioni che stanno consultando. Più delicata, invece, pare essere la proposta di fornire i dati online ai cosiddetti “fact-checkers” per aiutarli ad identificare gli “attori della disinformazione” e agli investitori pubblicitari per renderli in grado di valutare meglio chi si apprestano a sponsorizzare.

Alfabetismo mediatico e delle informazioni: questa tematica andrebbe introdotta non solo nei curricula scolastici, ma anche in quelli degli insegnanti. Onde evitare un’eccessiva frammentazione e differenziazione dei programmi nei vari stati europei, la UE dovrebbe essere chiamata ad occuparsi di tracciare delle linee guida comuni a tutti i membri.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2018

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it