Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

Sanità - Cassazione Penale: il nuovo quadro della responsabilità colposa per morte o lesioni personali in ambito sanitario

23 giugno 2017 -
Sanità - Cassazione Penale: il nuovo quadro della responsabilità colposa per morte o lesioni personali in ambito sanitario

La Corte di Cassazione ha cercato di delineare i tratti salienti del nuovo quadro disciplinare della responsabilità penale in ambito sanitario, introdotto dal Legislatore con Legge n. 24/2017 (concernente “Disposizioni in materia di sicurezza delle cure e della persona assistita, nonché in tema di responsabilità professionale degli esercenti le professioni sanitarie”).

L’articolo 6 della Legge suddetta ha introdotto nel codice penale l’articolo 590 – sexies, rubricato “Responsabilità colposa per morte o lesioni personali in ambito sanitario”, secondo il quale “Se i fatti di cui agli articoli 589 e 590 sono commessi nell’esercizio della professione sanitaria, si applicano le pene ivi previste salvo quanto disposto dal secondo comma. Qualora l’evento si sia verificato a causa di imperizia, la punibilità è esclusa  quando sono  rispettate le raccomandazioni previste dalle linee guida come definite e pubblicate ai sensi di legge ovvero, in mancanza di queste, le buone pratiche clinico-assistenziali, sempre che le raccomandazioni previste dalle predette linee guida risultino adeguate alle specificità del caso concreto».

I Giudici di Legittimità, al fine di arginare i dubbi interpretativi sorti in dottrina e in giurisprudenza a seguito dell’intervento normativo, hanno ritenuto che l’articolo 590-sexies del Codice Penale non trova applicazione:

  • “negli ambiti che, per qualunque ragione, non siano governati da linee guida;
  • nelle situazioni concrete in cui tali raccomandazioni debbano essere radicalmente disattese per via delle peculiarità della condizione del paziente o per qualunque altra ragione imposta da esigenze scientificamente qualificate;
  • nelle condotte che, sebbene poste in essere dell’ambito di approccio terapeutico regolato da linee guida pertinenti e appropriate, non risultino per nulla disciplinate in quel contesto regolativo, come nel caso di errore nell’esecuzione materiale di atto chirurgico pur correttamente impostato secondo le relative linee guida”.

La Cassazione, attraverso la prospettata soluzione interpretativa, ha cercato di cogliere la ratio della novella, ravvisabile, da una parte, nella volontà del Legislatore di garantire uniformità e affidabilità all’esercizio dell’ars medica (attraverso la selezione e codificazione di raccomandazioni); dall’altra, di ancorare il giudizio di responsabilità civile e penale a regole precostituite, tali da garantire la  determinatezza delle regole e la prevedibilità dei giudizi.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2017

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it