Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Le misure di straordinaria e temporanea gestione dell’impresa per fatti corruttivi

Articolo 32 Decreto Legge 90/2014 13 ottobre 2014 -

(Parte I)

Articolo in tre parti

Parte II ˗ Le misure

Sommario

5. Le misure amministrative nei confronti delle imprese - 5.1 Rinnovazione degli organi sociali e gestione straordinaria - 5.2 La revoca delle misure - 5.3 Sostegno e monitoraggio - 6. Alcuni emendamenti di rilievo - 7. Le osservazioni di Confindustria

 

5. Le misure amministrative nei confronti delle imprese

5.1 Rinnovazione degli organi sociali e gestione straordinaria

Sulla base della richiesta del Presidente dell’ANAC:

a) il Prefetto può ordinare all’impresa la rinnovazione degli organi socialimediante la sostituzione del soggetto coinvolto e, ove l’impresa non si adegui nei termini stabiliti, provvedere alla straordinaria e temporanea gestione dell’impresa appaltatrice limitatamente alla completa esecuzione del contratto d’appalto o della concessione; oppure

b) può provvedere direttamente alla straordinaria e temporanea gestione dell’impresaappaltatrice limitatamente alla completa esecuzione del contratto di appalto o della concessione.

Il sistema si sforza di prevedere una gradualità (in ossequio all’articolo 41 comma 2 della Costituzione), che lascia all’impresa, in un primo momento, la decisione sulla sostituzione della persona fisica.

Linee-guida ANAC-Interno:

E’ evidente che la misura che viene attivata dall’ANAC…mira a garantire la continuità del contratto pubblico nei tempi previsti; la stessa impresa viene attinta dalla misura strumentalmente a questo scopo, come dimostrano le espressioni letterali contenute nelle lettere a) e b) del comma 1, laddove l’intervento diacronico sull’impresa appaltatrice è sempre disposto limitatamente alla completa esecuzione del contratto d’appalto; sicché l’intervento legislativo si configura per quest’aspetto effettivamente come una misura ad contractum.

Pertanto gli amministratori nominati dal Prefetto sostituiranno i titolari degli organi sociali dotati di omologhi poteri soltanto per ciò che concerne la gestione delle attività di impresa connesse all’esecuzione dell’appalto da cui trae origine la misura.

Linee-guida ANAC-Interno

Viceversa gli organi sociali ordinari resteranno in carica per lo svolgimento di tutti gli altri affari riguardanti lo stesso o altri eventuali settori dell’attività economica dell’azienda. Si realizza in tal modo una forma di gestione separata e a tempo di un segmento dell’impresa, finalizzata esclusivamente all’esecuzione dell’appalto pubblico, le cui modalità di attuazione e di governante potranno essere definite anche attraverso il ricorso agli strumenti previsti dall’ordinamento ˗ si pensi ad esempio a quelli regolati dall’articolo 2447˗bis del codice civile ˗ che consentono forme di destinazione specifica del patrimonio sociale ad un determinato affare.

Nel testo originario del Decreto Legge, sia la prima che la seconda misura facevano esclusivo riferimento all’appalto “oggetto del procedimento penale”, che però, per quanto detto in relazione al comma 1, potrebbe anche non essere pendente: l’iniziativa dell’ANAC potrebbe fondarsi infatti anche solo su “rilevate situazioni anomale e comunque sintomatiche di condotte illecite o eventi criminali attribuibili ad un’impresa aggiudicataria”.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2017

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it