La violazione dei doveri coniugali tra addebito della separazione e risarcimento del danno “endofamiliare”

risarcimento danni
risarcimento danni

Abstract

Ormai da alcuni anni si riconosce che la violazione dei doveri tra coniugi, ove caratterizzata da determinate colorature di offensività, ed ove lesiva di diritti fondamentali costituzionalmente garantiti, possa aprire la strada al risarcimento del danno, che vien detto “endofamiliare”. A fronte dell’espansione di questa figura di danno e del suo risarcimento, pare recessivo lo strumento specificamente previsto dalla legge in risposta a tale violazioni (articolo 151, 2° co., c.c.), vale a dire l’addebito della separazione. Ciò, molto probabilmente, anche per la percepibile iniquità delle potenzialità afflittive dell’addebito rispetto a quelle risarcimento.

 

Indice:

1. Un caso

2. Il danno “endofamiliare”

3. Il risarcimento del danno tra coniugi

4. Addebito e risarcimento

5. La risposta del giudice (T. Reggio Emilia, 24.6.2020) al caso posto

1. Un caso

Il signor Paolo nel 1994 si era unito in matrimonio con la signora Paola; nel corso del matrimonio, la moglie aveva dato alla luce un bambino, chiamato Paolino e indicato allo stato civile come figlio della coppia; nel 1999 Paolo e Paola si erano separati, senza peraltro che vi fosse addebito; 21 anni dopo il matrimonio era stato dichiarato lo scioglimento del matrimonio; successivamente, il signor Paolo era venuto a sapere che durante la vita matrimoniale la moglie aveva intrattenuto una relazione extraconiugale; il Signor Paolo pertanto aveva promosso una causa di disconoscimento di paternità, nel corso della quale era stata disposta una CTU, che aveva concluso nel senso della incompatibilità genetica tra il signor Paolo ed il figlio; tale causa, tuttavia, era stata definita tramite una pronuncia in rito di inammissibilità.

Il signor Paolo, a questo punto, ha chiesto alla ex moglie un cospicuo risarcimento del danno, c.d., “endofamiliare”, che gli sarebbe derivato, sia dall’infedeltà, sia dall’aver la moglie taciuto e nascosto la vera paternità del bambino.

Continua a leggere l’articolo, accedi o abbonati a Filodiritto.

Abbonati per avere accesso illimitato a tutti i contenuti Premium.

Sei già abbonato? Effettua il Login.