Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

Illecito disciplinare - TAR Lazio: niente dipendenti privati nei tribunali grazie a rapporti di distacco

10 novembre 2017 -
Illecito disciplinare - TAR Lazio: niente dipendenti privati nei tribunali grazie a rapporti di distacco

La questione

La sezione disciplinare del Consiglio Superiore della Magistratura ha deliberato la revoca dall’incarico di giudice di pace del coordinatore, poi effettivamente irrogata dal Ministro della Giustizia, in ragione del fatto che il magistrato onorario ha consentito ad un soggetto estraneo all’amministrazione della giustizia di coadiuvare per un periodo di circa quattro anni nell’ufficio, venendo retribuito dagli stessi giudici di pace ivi presenti, compreso quello colpito dal provvedimento di revoca.

Il destinatario ha impugnato la delibera del Consiglio Superiore della Magistratura che ha disposto la revoca del suo incarico di giudice di pace, chiedendone l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia ed affidando il gravame a tre motivi.

 

Termine perentorio e termine ordinatorio

Benché con la legge sul procedimento amministrativo si sia assistito alla generalizzazione del dovere delle pubbliche amministrazioni di decidere entro un termine, non solo nessuna disposizione di legge lo ha elevato a requisito di validità del provvedimento amministrativo, rimanendo dunque tale dovere confinato sul piano dei comportamenti dell’amministrazione (semmai dando luogo all’elaborazione dell’istituto del silenzio), ma anche la giurisprudenza, che pure ha talvolta riconosciuto la natura perentoria, lo ha fatto in relazione a termini di conclusione del procedimento, non ad altri di natura endoprocedimentale.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2017

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it