La promozione

Promozione
Promozione

Lo conobbi come difensore di ufficio, si chiamava Antonio N.

Aveva il vizio del bere e infastidiva le persone in strada. All’intervento delle forze dell’ordine andava in escandescenza, facendosi arrestare.

I processi per direttissima si susseguivano e con lui provai di tutto: eccezioni procedurali sul rito direttissimo, perizie psichiatriche, continuazioni.

Era una sorta di cavia giuridica.

Una volta il Pretore si ricordò di lui e fissandolo disse: “Lei è la terza volta che mi capita davanti”.

N. rispose: “E che è colpa mia se a Lei non la promuovono mai?”.

Il Pretore rise più di tutti.