Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Concessione - Cassazione Civile: negare l’istallazione di un chiosco sulla spiaggia può essere fonte di risarcimento del danno

22 febbraio 2018 -
Concessione - Cassazione Civile: negare l’istallazione di un  chiosco sulla spiaggia può essere fonte di risarcimento del danno

I giudizi di merito

Su richiesta del soggetto interessato, il Comune di Amalfi aveva emesso un provvedimento di diniego della concessione per l’installazione di un chiosco sulla spiaggia comunale. Ma il TAR della Campania ne dichiarava ben presto l’illegittimità.

Successivamente, il richiedente vedeva riconosciuto dal Tribunale di Salerno il suo diritto a ricevere il risarcimento dei danni patiti in conseguenza dell’illegittimo diniego della concessione per l’installazione del chiosco.

Tuttavia, la Corte d’appello salernitana ha poi ribaltato il deliberato di prima istanza adducendo l’assenza di qualsiasi indagine in ordine alla lamentata insussistenza di presupposti che aveva legittimato l’adozione del diniego, la mancanza di prova del nesso di causalità tra l’atto illegittimo ed il danno patito ed il fatto che la sua adozione non aveva prodotto alcuna lesione in capo al ricorrente dell’interesse alla concreta ed effettiva utilizzazione di un bene della vita.

 

Il ricorso in Cassazione

Gli eredi del dante causa impugnano la sentenza del giudice d’appello e ne chiedono la cassazione a motivo della erroneità della decisione di secondo grado per il modo in cui ha escluso la sussistenza del pregiudizio e di un vizio motivazionale del deliberato in ordine alla rilevata carenza di indagine sui presupposti di adottabilità del provvedimento e al conclamato difetto del nesso di causalità tra l’atto denegato ed il pregiudizio subito. I ricorrenti adducono che, dovendo detta indagine operarsi con accertamento ex ante, al momento dell’originaria istanza erano sussistenti tutti i presupposti per ritenere che la concessione sarebbe stata accordata, e lamentano che l’impossibilità di realizzare la struttura aveva impedito di conseguire i relativi proventi economici: conseguentemente, considerano il danno in re ipsa.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2018

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it