Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Decalogo di marketing referendario - seconda parte

24 ottobre 2016 -
Decalogo di marketing referendario - seconda parte

Bologna, 24 ottobre 2016

 

Decalogo di marketing referendario - seconda parte

Proseguo il mio discorso, con le altre cinque tesi.

Sesta tesi: i convitati di pietra. Tralasciando la tattica e la massmediologia, resta il fatto che sì e no evocano in un senso o nell’altro la legge elettorale e il sistema di elezione dei senatori. Si finisce per monopolizzare la discussione con argomenti eso-referendari e si ha l’impressione di dover votare col freno a meno tirato: voto sì, sperando che la legge elettorale non implichi la formazione di una maggioranza tirannica, voto no – anche se voterei sì – perché temo che la legge elettorale conduca ad un sistema autoritario o oligarchico.

A parte che questo argomento consente ad alcuni esponenti della linea del no di tenere i piedi in due staffe, resta il fatto che il dibattito è viziato o, per dirla più sobriamente, condizionato.

Settima tesi: snodo. Vediamo invece il vero e appassionante tema, che potremmo definire meta-referendario o meglio carsico. Il sistema bicamerale paritario consente di meglio rappresentare l’intero corpo elettorale e di fare in modo che le leggi siano la somma di diverse istanze, non necessariamente di una parte sola. Favorisce il compromesso, la condivisione e, in definitiva, impedisce che chi vince si prenda tutto o, meglio, che chi perde subisca il cappotto (perde 1 a 0, non 6 a 0).

Sono d’accordo con coloro che sostengono che il vero snodo sia tra l’affermazione della condivisione, con la nascita della terza (o quarta?) repubblica in modalità sharing, quale araba fenice delle precedenti convergenze parallele, e l’avvio del premierato temperato, a vocazione maggioritaria.

Ottava testi: sabbie mobili. Volendo leggere in controluce il dibattito referendario, non si può trascurare il parere di chi vi intravvede le sabbie mobili in cui si dibattono le democrazie occidentali: ricorso alla democrazia diretta nella forma della partecipazione telematica (con la logica del mi piace/non mi piace), rifiuto delle responsabilità di governo e cessione della sovranità a enti sovranazionali, concertazione in sede parlamentare/extraparlamentare, fabbrica del consenso mediante prelievo fiscale e redistribuzione, parlamento come dirittificio, visione salvifica dei tecnici al posto dei politici.

Nona tesi: capitribù. In questo contesto, i capitribù svolgono un ruolo fondamentale, non solo per gli indecisi. Ci si schiera per l’uno o l’altro fronte perché si è in buona compagnia, oppure, almeno, non si è con quella che si considera la peggiore compagnia, oppure ancora perché si interpretano i silenzi in un modo o nell’altro (forse sbagliando, ma questo in fondo è secondario). Ognuno, sul piano politico-culturale, ha le proprie stelle polari.

Alla triade Zagrebelsky-Saviano-Grillo – tralascio i comprimari – si contrappone la monade Renzi, con qualche aiutino inaspettato (ad esempio, Pera-Urbani). Quanti voti spostano – in positivo o in negativo – queste stelle polari? nel referendum molto più dei partiti. In questo senso la spersonalizzazione di Renzi può essere un errore strategico. Quel che mi interessa è che l’uomo tecnologico è anche uomo emotivo.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2019

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it