Per entrare nelle sale gioco servirà il Green Pass? Quando e come l’esercente lo può chiedere

Casinò
Casinò

Per entrare nelle sale gioco servirà il Green Pass? Quando e come l’esercente lo può chiedereImmagine rimossa.

Durante la pandemia gli italiani si sono appassionati ancora di più al gioco d’azzardo, spendendo milioni di euro tra slot e scommesse. Le normative anti-COVID non sono però a loro favore: per tenere basso il numero dei contagi è stato imposto alle sale fisiche la chiusura totale delle attività, trascurando gli esercenti e i giocatori. La maggior parte dell’utenza si è quindi spostata online, contribuendo all’enorme espansione dei casinò online, mentre i clienti affezionati delle sale fisiche si domandano se con le normative in arrivo a febbraio potranno tornare nei casinò tradizionali e nelle sale scommesse.

Green pass e sale da gioco
green pass e sale da gioco

Sale gioco chiuse, i giocatori guardano al Web

Il lockdown e le successive misure restrittive sulle attività di svago hanno portato al sorpasso definitivo del gioco virtuale sul fisico. Era comunque da anni che il trend vedeva numeri in crescita per i casinò online: se nel 2018 la “raccolta” (definita come ammontare complessivo delle puntate effettuate da tutti i giocatori) del digitale era di 31,4 miliardi di euro, nel 2020 la raccolta toccava i 49,2 miliardi (+57%). Con la pandemia l’ago della bilancia si è spostato ulteriormente in favore del gioco online, che raccoglie il 56% della quota spesa.

Non tutti i giocatori si sono però spostati sul Web e alcuni preferiscono recarsi di persona in un casinò. Spesso queste persone ammettono di frequentare le sale tradizionali per una questione di abitudinarietà e di nostalgia, e sono consapevoli dei numerosi vantaggi a cui rinunciano: giocare online è più comodo, più sicuro e anche più divertente, poiché si può scegliere tra migliaia e migliaia di giochi sviluppati da software house esperte. Su 888 Casino, ad esempio, gli utenti hanno accesso a slot, casinò dal vivo, jackpot progressivi. Non possono mancare i tradizionali giochi di carte e da tavolo: c’è il blackjack, il baccarat, le roulette europea, americana e francese.

Nonostante l’ampia scelta, i bonus di benvenuto e i giri gratuiti, alcuni giocatori restano fedeli alle sale fisiche e ora si chiedono: è possibile giocare alle slot senza Green Pass? Viene richiesto il Green Pass rafforzato per i casinò? Esercenti e giocatori dovranno rispettare alcune normative specifiche.

Green Pass per i casinò e le sale scommesse a febbraio 2022

Le disposizioni in vigore parlano chiaro: dal 10 gennaio 2022 il “Super Green Pass” (o “Green Pass rafforzato”) è obbligatorio se si vuole accedere a sale giochi (anche con apparecchi senza vincita in denaro), sale bingo, sale scommesse e apparecchi installati nei locali generalisti, come ad esempio un tabacchino. Le nuove restrizioni avranno inizio il 15 febbraio e aumenteranno il numero delle attività al chiuso che richiederanno il certificato. Per il settore del gioco d’azzardo, tuttavia, non cambierà nulla. Il Green Pass rafforzato sarà necessario per sale scommesse, casinò e affini.

green pass e sale da gioco
green pass e sale da gioco

Immagine rimossa.L’aggiornamento riguarda infatti principalmente l’obbligatorietà o meno di mostrare la certificazione verde nei locali in cui non è obbligatoria. Interviene il Garante per la Privacy, specificando che “non vi è alcun obbligo di possedere il cosiddetto “Super Green Pass” per i clienti degli alberghi, i lavoratori o, ad esempio, gli accompagnatori dei pazienti negli ospedali”. Ogni richiesta in tal senso sarebbe illegittima, anche quando avanzata dal datore di lavoro.

Nei locali come sale scommesse e casinò, dove è obbligatoria, la certificazione va mostrata allo staff all’ingresso, che dovrà scansionare il QR code (stampato o digitale) del giocatore. Rimangono in vigore l’obbligo di mascherina e distanziamento.

Resta in vigore il Super Green Pass per il gioco d’azzardo

In conclusione il 15 febbraio non cambierà nulla per i giocatori, che dovranno continuare a mostrare il Green Pass rafforzato se vogliono accedere alle sale gioco e ai casinò tradizionali. Chi non sarà dotato di certificazione non potrà accedere, ma potrà comunque rivolgersi ai casinò online: questi sono sempre aperti a tutti, offrono un’esperienza di gioco superiore e regalano interessanti bonus di benvenuto. Questo vale anche per gli over 50, che da metà febbraio saranno obbligati a essere vaccinati con ciclo completo