Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

Danno da detenzione inumana: la Cassazione torna ad esprimersi sul rimedio ex art. 35-ter Ordinamento Penitenziario

14 marzo 2017 -
Danno da detenzione inumana: la Cassazione torna ad esprimersi sul rimedio ex art. 35-ter Ordinamento Penitenziario

 

La Suprema Corte di Cassazione si è nuovamente espressa sul peculiare istituto di cui all’articolo 35-ter della legge 354/1975 (“Ordinamento Penitenziario”), escludendone l’assimilabilità al risarcimento per fatto illecito ex articolo 2043 del codice civile e negando, di conseguenza, l’applicabilità del termine di prescrizione quinquennale.

Il provvedimento impugnato

Il 2 novembre 2015 il Magistrato di Sorveglianza di Avellino dichiarava inammissibile la richiesta di tutela risarcitoria, presentata ai sensi dell’art. 35-ter dell’Ordinamento Penitenziario, in cui l’interessato lamentava la sottoposizione a trattamenti inumani in periodi anteriori alla data d’introduzione dell’apposito istituto.

L’ordinanza si fondava sull’orientamento (ora ampiamente superato) secondo cui la suddetta domanda, proposta dinanzi al Magistrato di Sorveglianza in base ai primi due commi della disposizione, fosse sempre da considerarsi inammissibile se successiva alla cessazione del trattamento pregiudizievole.

Il provvedimento è stato così impugnato dinanzi alla Corte di cassazione, la quale ha accolto il ricorso con la sentenza n. 3117 del 10 gennaio 2017.

Sull’attualità della lesione

Innanzitutto, il Giudice di legittimità ha richiamato l’oramai consolidata giurisprudenza secondo cui, in relazione alla tutela ex art. 35-ter dell’Ordinamento Penitenziario dinanzi al Magistrato di Sorveglianza, la contestualità temporale tra lesione e richiesta risarcitoria non costituisce una condizione necessaria (cfr. Cass., sez. I, 11 giugno 2015, n. 43722; Cass., sez. I, 16 luglio 2015, n. 46966). Non è indispensabile, pertanto, che il trattamento inumano lamentato dal soggetto in vinculis sia attuale al momento della proposizione della domanda, risultando sufficiente, ai fini dell’ammissibilità della stessa, che l’interessato sia in espiazione pena. Al contrario, qualora il danneggiato dovesse aver già riacquisito lo status di libero, la richiesta andrà indirizzata al giudice civile ai sensi del comma 3 dell’art. 35-ter dell’Ordinamento Penitenziario.

Sulla risarcibilità delle lesioni anteriori al 26 giugno 2014

Secondo la Corte, inoltre, ben può accadere che la domanda riguardi lesioni avvenute in periodi detentivi antecedenti al 26 giugno 2014 (data in cui il legislatore, sulla scorta di quanto stabilito dalla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo con la c.d. “sentenza Torreggiani”, ha introdotto la fattispecie risarcitoria in esame).

Andando a rafforzare il già solido orientamento giurisprudenziale sul tema, la Cassazione ha menzionato una pronuncia delle Sezioni Unite civili (la n. 28507 del 2015) ove si è sostenuto, in tema di equa riparazione per irragionevole durata del processo, che la fonte del risarcimento non deve essere ricercata nella sola normativa nazionale ma anche in quella sovranazionale. Per tale ragione il diritto al ristoro sussiste, sia nel caso di detenzione inumana che in quello di irragionevole durata del processo, sin dalla data di ratifica della CEDU (4 agosto 1955), essendo entrambi i fenomeni espressamente vietati dalla stessa Convenzione (rispettivamente agli articoli 3 e 6).



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2017

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it