Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Peculato - Cassazione Penale: non configurabile in capo all’addetto alla biglietteria della stazione per insussistenza della qualifica di incaricato di un pubblico servizio

22 novembre 2018 -
Peculato - Cassazione Penale: non configurabile in capo all’addetto alla biglietteria della stazione per insussistenza della qualifica di incaricato di un pubblico servizio

La Cassazione ha stabilito che, in tema di reati contro la pubblica amministrazione, non sussiste la qualifica soggettiva di incaricato di pubblico servizio di cui all’articolo 358 del Codice Penale qualora il soggetto si limiti allo svolgimento di semplici mansioni di ordine e alla prestazione di opera meramente materiale.

 

Il caso in esame

La Suprema Corte si è espressa a seguito di ricorso proposto da una dipendente di Trenitalia S.p.a., avverso la sentenza con cui la Corte d’appello territoriale, confermando la sentenza di primo grado, aveva ritenuto la lavoratrice responsabile del reato di peculato di cui all’articolo 314 del Codice Penale “per essersi appropriata, quale incaricata di pubblico servizio, nella sua qualità di addetta alle vendite dei titoli di viaggio al pubblico presso la stazione ferroviaria […], di un biglietto da 55,50 euro di cui aveva il possesso, ceduto verso corrispettivo e senza contabilizzazione all’utente […], che lo pagava a sue mani”.

Con detto ricorso, l’imputata lamentava violazione dell’articolo 358 del Codice Penale, disciplinante la qualifica di incaricato di un pubblico servizio, ed erronea qualificazione giuridica della condotta contestata nella fattispecie di peculato di cui all’articolo 314 del Codice Penale anziché in quella di appropriazione indebita di cui all’articolo 646 del Codice Penale, “in quanto la ricorrente, quale addetta alla biglietteria di stazione ferroviaria inquadrata come operatrice commerciale, esercitava al momento dei fatti elementari mansioni materiali alle dipendenze di Trenitalia S.p.a.”. Per tale ragione, secondo la ricorrente, non poteva ritenersi sussistente in capo alla ricorrente la qualifica soggettiva di incaricato di un pubblico servizio, necessaria per il configurarsi del reato proprio di peculato.

 

La decisione della Suprema Corte

Al fine di dare soluzione alla questione giuridica prospettata nel ricorso proposto, in ordine alla sussistenza in capo alla ricorrente della qualifica soggettiva di incaricato di pubblico servizio, necessaria per la configurazione del reato di peculato, la Corte di legittimità ha dettagliatamente analizzato la disposizione definitoria della qualifica soggettiva richiamata, prevista dall’articolo 358 del Codice Penale.

In particolare, ritenuta preliminarmente l’irrilevanza, secondo la formulazione codicistica, così come modificata dalla legge 26 agosto 1990, n. 86, della natura pubblicistica o meno dell’ente in cui il soggetto è inserito, i giudici della Cassazione hanno evidenziato come la disposizione esaminata richieda, per la sussistenza della qualifica soggettiva di incaricato di un pubblico servizio, la prestazione “a qualunque titolo” di un pubblico servizio, definito quest’ultimo come un’attività disciplinata da norme di diritto pubblico e da atti autoritativi, allo stesso modo della pubblica funzione (rilevante per la qualifica di pubblico ufficiale) ma caratterizzata dalla mancanza di poteri tipici di quest’ultima (deliberativi, autoritativi e certificativi).

News pubblicata in: Diritto penale, Procedura penale


About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2018

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it