Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

La pubblicazione di contributi, approfondimenti, articoli e in genere di tutte le opere dottrinarie e di commento (ivi comprese le news) presenti su Filodiritto è stata concessa (e richiesta) dai rispettivi autori, titolari di tutti i diritti morali e patrimoniali ai sensi della legge sul diritto d'autore e sui diritti connessi (Legge 633/1941). La riproduzione ed ogni altra forma di diffusione al pubblico delle predette opere (anche in parte), in difetto di autorizzazione dell'autore, è punita a norma degli articoli 171, 171-bis, 171-ter, 174-bis e 174-ter della menzionata Legge 633/1941. È consentito scaricare, prendere visione, estrarre copia o stampare i documenti pubblicati su Filodiritto nella sezione Dottrina per ragioni esclusivamente personali, a scopo informativo-culturale e non commerciale, esclusa ogni modifica o alterazione. Sono parimenti consentite le citazioni a titolo di cronaca, studio, critica o recensione, purché accompagnate dal nome dell'autore dell'articolo e dall'indicazione della fonte, ad esempio: Luca Martini, La discrezionalità del sanitario nella qualificazione di reato perseguibile d'ufficio ai fini dell'obbligo di referto ex. art 365 cod. pen., in "Filodiritto" (https://www.filodiritto.com), con relativo collegamento ipertestuale. Se l'autore non è altrimenti indicato i diritti sono di Inforomatica S.r.l. e la riproduzione è vietata senza il consenso esplicito della stessa. È sempre gradita la comunicazione del testo, telematico o cartaceo, ove è avvenuta la citazione.

Terremoti - Cassazione Penale: la nozione di concreta possibilità di rischio è già ricompresa nella normativa di settore

09 febbraio 2018 -
Terremoti -  Cassazione Penale: la nozione di concreta possibilità di rischio è già ricompresa nella normativa di settore

Il fatto principale

Il sindaco di un Comune toscano viene accusato di omissione di atti d’ufficio: egli non avrebbe adempiuto all’obbligo di chiusura “immediata” di un edificio scolastico i cui requisiti antisismici non risultavano pienamente conformi a quelli richiesti dalla Legge (non idoneità sismica della scuola).

 

Il Tribunale di Grosseto e il sequestro preventivo

Si configura il reato di omissione di atti di ufficio ex art 328 c.p.. Si contesta che il detto sindaco, in quanto pubblico ufficiale, non abbia ordinato la chiusura immediata del plesso didattico per ragioni di pubblica sicurezza nonostante il risultato negativo dell’idoneità della certificazione sismica. Il GIP metteva dunque l’edificio sotto sequestro preventivo.

Secondo l’accertamento condotto dal tecnico, il rischio sismico risultava essere al di sotto del parametro previsto corrispondente alla non-criticità in caso di terremoto, seppur tale inadeguatezza fosse “minima rispetto ai vigenti parametri” (0,985 e non 1).  In aggiunta, l’edificio era situato in una zona considerata a bassa sismicità.

Perché il sequestro preventivo sia lecito ex art 321 c.p., esso deve presentare il requisito della concretezza e quello dell’attualità, oltre al requisito indispensabile della pertinenza. In breve, il periculum necessario per adottare la misura cautelare deve essere considerato non come un’astratta eventualità bensì come una concreta possibilità che l’evento si verifichi.

Per quanto riguarda la pertinenzialità, essa è la relazione di specifica strumentalità tra il bene e il reato commesso; nel caso di genere, se il sequestro della scuola possa impedire l’aggravamento del reato di omissione di atti d’ufficio.

In seguito ad una valutazione concreta della situazione, il Tribunale di Grosseto decide di revocare il sequestro del GIP “in ragione della bassa sismicità della zona e del rilevato minimo scostamento dei parametri tecnici sismici”. Di conseguenza, il Tribunale esclude la pertinenzialità.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2018

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it