Shakespeare: Amleto (Atto III, scena I)

Amleto
Amleto

Versione originale:

 

 

Hamlet:

 

To be, or not to be, that is the question

 

Whether 'tis nobler in the mind to suffer

 

The slings and arrows of outrageous fortune,

 

Or to take arms against a sea of troubles,

 

And by opposing, end them. To die, to sleep-

 

No more and by a sleep to say we end

 

The heart-ache, and the thousand natural shocks

 

That flesh is heir to; 'tis a consummation

 

Devoutly to be wished. To die, to sleep;

 

To sleep, perchance to dream. Ay, there's the rub;

 

For in that sleep of death what dreams may come

 

When we have shuffled of this mortal coil

 

Must give us pause - there's the respect

 

That makes calamity of so long life:

 

For who would bear the whips and scorns of time

 

Th'oppressor's wrong, the proud man's contumely,

 

The pangs of despis'd love, the laws delay,

 

The insolence of office, and the spurns

 

That patient merit of th'unworthy takes,

 

When he himself might his quietus make

 

With a bare bodkin; who would fardels bear,

 

To grunt and sweat under a weary life,

 

But that the dread of something after death,

 

The undiscovered country, from whose bourn

 

No travellers returns, puzzles the will

 

And make us rather bear those ills we have,

 

Than fly to others that we know not of?

 

Thus conscience does make cowards of us all,

 

And thus the native hue of resolution

 

Is sicklied o'er with the pale cast of thought,

 

And enterprises of great pitch and moment

 

With this regard their currents turn awry,

 

And lose the name of action.

 

Traduzione in prosa:

 

Amleto:

 

Essere o non essere: questo è il problema: se sia più nobile all'animo sopportare gli oltraggi, i sassi e i dardi dell'iniqua fortuna, o prender l'armi contro un mare di problemi e combattendo disperderli.

 

Morire dormire; nulla più: - e con un sonno dirsi che poniamo fine al dolore e alle infinite miserie, naturale retaggio della carne, è soluzione da desiderare ardentemente.

 

Morire - dormire - sognare, forse: ma qui è l'ostacolo che ci trattiene: perchè in quel sonno della morte quali sogni possan venire, quando noi ci siamo sbarazzati di questo groviglio mortale: è la remora, questa, che di tanto prolunga la vita ai nostri tormenti.

 

Chi vorrebbe, se no, sopportar le frustate e gl'insulti del tempo, le angherie del tiranno, il disprezzo dell'uomo borioso, gli spasimi dell'amore disprezzato, gli indugi della legge, l'insolenza di chi è investito di una carica, e gli scherni che il merito paziente riceve dai mediocri, quando di mano propria potrebbe saldare il suo conto con due dita di pugnale?

 

Chi vorrebbe caricarsi di grossi fardelli imprecando e sudando sotto il peso di tutta una gravosa vita, se non fosse il timore di qualche cosa, dopo la morte - la terra inesplorata donde mai non tornò alcun viaggiatore - confonde la volontà, e ci fa piuttosto sopportare i mali che abbiamo, che non volare verso altri che non conosciamo?

 

Così la coscienza ci fa tutti vigliacchi; così la tinta naturale della determinazione si scolora al cospetto del pallido pensiero. E così imprese di grande importanza e rilievo per questo riguardo deviano il loro corso: e dell'azione perdono anche il nome.

 

[Giorgio Melchiori, Shakespeare, Nove Volumi, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1991] Versione originale:

 

Hamlet:

 

To be, or not to be, that is the question

 

Whether 'tis nobler in the mind to suffer

 

The slings and arrows of outrageous fortune,

 

Or to take arms against a sea of troubles,

 

And by opposing, end them. To die, to sleep-

 

No more and by a sleep to say we end

 

The heart-ache, and the thousand natural shocks

 

That flesh is heir to; 'tis a consummation

 

Devoutly to be wished. To die, to sleep;

 

To sleep, perchance to dream. Ay, there's the rub;

 

For in that sleep of death what dreams may come

 

When we have shuffled of this mortal coil

 

Must give us pause - there's the respect

 

That makes calamity of so long life:

 

For who would bear the whips and scorns of time

 

Th'oppressor's wrong, the proud man's contumely,

 

The pangs of despis'd love, the laws delay,

 

The insolence of office, and the spurns

 

That patient merit of th'unworthy takes,

 

When he himself might his quietus make

 

With a bare bodkin; who would fardels bear,

 

To grunt and sweat under a weary life,

 

But that the dread of something after death,

 

The undiscovered country, from whose bourn

 

No travellers returns, puzzles the will

 

And make us rather bear those ills we have,

 

Than fly to others that we know not of?

 

Thus conscience does make cowards of us all,

 

And thus the native hue of resolution

 

Is sicklied o'er with the pale cast of thought,

 

And enterprises of great pitch and moment

 

With this regard their currents turn awry,

 

And lose the name of action.

 

Traduzione in prosa:

 

Amleto:

 

Essere o non essere: questo è il problema: se sia più nobile all'animo sopportare gli oltraggi, i sassi e i dardi dell'iniqua fortuna, o prender l'armi contro un mare di problemi e combattendo disperderli.

 

Morire dormire; nulla più: - e con un sonno dirsi che poniamo fine al dolore e alle infinite miserie, naturale retaggio della carne, è soluzione da desiderare ardentemente.

 

Morire - dormire - sognare, forse: ma qui è l'ostacolo che ci trattiene: perchè in quel sonno della morte quali sogni possan venire, quando noi ci siamo sbarazzati di questo groviglio mortale: è la remora, questa, che di tanto prolunga la vita ai nostri tormenti.

 

Chi vorrebbe, se no, sopportar le frustate e gl'insulti del tempo, le angherie del tiranno, il disprezzo dell'uomo borioso, gli spasimi dell'amore disprezzato, gli indugi della legge, l'insolenza di chi è investito di una carica, e gli scherni che il merito paziente riceve dai mediocri, quando di mano propria potrebbe saldare il suo conto con due dita di pugnale?

 

Chi vorrebbe caricarsi di grossi fardelli imprecando e sudando sotto il peso di tutta una gravosa vita, se non fosse il timore di qualche cosa, dopo la morte - la terra inesplorata donde mai non tornò alcun viaggiatore - confonde la volontà, e ci fa piuttosto sopportare i mali che abbiamo, che non volare verso altri che non conosciamo?

 

Così la coscienza ci fa tutti vigliacchi; così la tinta naturale della determinazione si scolora al cospetto del pallido pensiero. E così imprese di grande importanza e rilievo per questo riguardo deviano il loro corso: e dell'azione perdono anche il nome.

 

[Giorgio Melchiori, Shakespeare, Nove Volumi, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1991]