Iscriviti al sito e alla newsletter di Filodiritto.

Welcome kit in omaggio

Droga - Cassazione Penale: limiti nell’applicazione dell’aggravante in caso di spaccio nei pressi dell’università

25 settembre 2017 -
Droga - Cassazione Penale: limiti nell’applicazione dell’aggravante in caso di spaccio nei pressi dell’università

La Corte di Cassazione ha stabilito che, ai fini della sussistenza della fattispecie di cessione di sostanze stupefacenti aggravata dall’essere commessa in prossimità di scuole e comunità giovanili, pur ritenendo ricomprese tra queste ultime le aree universitarie, è necessario accertare la sussistenza del requisito della prossimità.

 

Il caso in esame

La sentenza della Corte di Cassazione trae origine dal ricorso presentato dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Bologna avverso l’ordinanza emessa dal Giudice per le indagini preliminari del Tribunale del luogo, con la quale quest’ultimo aveva escluso l’applicazione della circostanza aggravante prevista dall’articolo 80, comma 1, lett. g) del d.P.R. n. 309/1990 (“Le pene previste per i delitti di cui all’articolo 73 sono aumentate da un terzo alla metà: […] g) se l’offerta o la cessione è effettuata all’interno o in prossimità di scuole di ogni ordine o gradocomunità giovanili, caserme, carceri, ospedali, strutture per la cura e la riabilitazione dei tossicodipendenti”) nei confronti di un soggetto fermato nell’atto di cedere un modesto quantitativo di sostanza stupefacente nei pressi dell’università.

Nella richiesta di convalida dell’arresto facoltativo in flagranza, il Pubblico Ministero aveva contestato il reato di cui all’articolo 73, comma 5, del D.P.R. n. 309/1990 (rubricato “Produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope”) aggravato dalla circostanza di cui all’articolo 80 sopra citato perché la cessione era avvenuta in prossimità dell’area universitaria.



About

  • Contatti
  • Redazione
  • Pubblicità
  • Avvertenze
  • Privacy
  • Cookie

Newsletter

Rimani aggiornato sulle novità e gli articoli più interessanti della redazione di Filodiritto, inserisci la tua mail:

Iscriviti alla newsletter

© Filodiritto 2001-2017

Filodiritto è un marchio di InFOROmatica S.r.l.
P.Iva 02575961202
Capitale sociale: 10.000,00 i.v.
Direttore responsabile: Antonio Zama
Tribunale Bologna 24.07.2007,
n.7770 - ISSN 2239-7752

Sempre aggiornato

Scrivi la tua mail per ricevere le ultime novità, gli articoli e le informazioni su eventi e iniziative selezionati dalla redazione di Filodiritto.

*  Email:

Leggi l'informativa sulla privacy

Sede legale e amministrativa InFOROmatica S.r.l. - Via Castiglione 81, 40124 - Bologna
Tel. 051.98.43.125 - Fax 051.98.43.529

Credits webit.it